EventsEventi
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

"Le nostre coste non sono inquinate": in Bulgaria è a rischio la stagione turistica

Preoccupazione per la stagione estiva in Bulgaria
Preoccupazione per la stagione estiva in Bulgaria Diritti d'autore Petko Momchilov/AP
Diritti d'autore Petko Momchilov/AP
Di Isidoro PatalanoEuronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Turisti in calo in Bulgaria, la causa sarebbe da imputare alla minaccia di inquinamento a seguito della distruzione della diga ucraina di Kakhovka. Ma secondo gli esperti le cause sarebbero da ricercare altrove: inflazione, scarse infrastrutture e servizi insufficienti

PUBBLICITÀ

La stagione estiva in Bulgaria è a rischio. Il numero di turisti nel paese è crollato e si pensa che una delle possibili cause sia la paura dell'inquinamento della costa a seguito della distruzione della diga ucraina di Kakhovka.

Ma secondo le autorità la minaccia non sarebbe reale affermando che il litorale bulgaro del Mar Nero sia privo di contaminazioni.

"Garantiamo che i risultati dei campioni prelevati finora sulla costa settentrionale del Mar Nero non mostrano eccessi. Da giugno dell'anno scorso non ci sono stati aumenti di questo tipo"., ha dichiarato Yavor Dimitrov, autorità idrica della Direzione del Bacino.

La preoccupazione delle attività turistiche si fa sentire. Secondo loro l'inquinamento sarebbe la causa principale che metterebbe il business del turismo a rischio. Gli ufficiali turisti, però, non ci sarebbero prove a supporto di questa versione, le cause sarebbero altre.

"I turisti che hanno rinunciato alle vacanze sulla nostra costa per paura dell'inquinamento non sono molti", ha affermato Dimitrov. "Quelli che hanno rinunciato per altri motivi, invece, sono molti".

Per il Comitato europeo delle associazioni delle agenzie di viaggio la stagione è insolitamente debole per questo periodo dell'anno. Il motivo è l'accumularsi di molte circostanze: infrastrutture scarse, servizi insufficienti, maltempo e, naturalmente, un'inflazione elevata che porta a prezzi gonfiati. 

"Quando accadono queste cose cerchiamo la colpa al di fuori di noi", - ha affermato Daniela Stoeva del Comitato europeo delle associazioni delle agenzie di viaggio. "Alla fine sono i business dover generare un flusso quando si tratta di turismo".

Il disastro di Kakhovka

La distruzione della diga il 6 giugno scorso, imputata dall'Occidente alla Russia, è un grave disastro ecologico che si prevede si propagherà oltre i confini marittimi dell'Ucraina. Al momento non è facile stimare l'impatto che potrebbe avere su paesi come la Bulgaria e la Romania.    

Secondo Kyiv la diga sarebbe stata distrutta comeatto di sabotaggio russo per frenare l'avanzata della controffensiva ucraina nella regione. Il governo ucraino ha stimato che circa 10mila ettari di terreni agricoli siano ancora sott'acqua. Allo stesso tempo il fondo dell'invaso svuotato si è trasformato in un deserto. Secondo le autorità ci vorranno decenni prima di tornare alla normalità.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Turbolenza volo Londra-Singapore, un morto e decine di feriti: Boeing colpito da fenomeno noto come Cat

La classifica degli aeroporti più puliti al mondo, solo uno è in Europa

Due terzi degli adulti del Regno Unito non conoscono il nuovo sistema di ingressi/uscite dell'Ue