EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Regno Unito, sì del Parlamento al divieto di fumo ai nati dopo il 2009

I nati dopo il 2009 diventeranno la prima "generazione senza fumo" della Gran Bretagna grazie al nuovo divieto del governo britannico.
I nati dopo il 2009 diventeranno la prima "generazione senza fumo" della Gran Bretagna grazie al nuovo divieto del governo britannico. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Euronews Agenzie:  AP
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il nuovo Tobacco and Vapes Bill del governo britannico intende proteggere i giovani dai danni del fumo. Sì del Parlamento al provvedimento del governo

PUBBLICITÀ

I parlamentari britannici hanno votato a favore dei piani del governo finalizzati a plasmare una generazione "smoke-free" e ridurre il numero di morti legate al fumo.

In cosa consiste il divieto di fumo?

Le restrizioni si applicheranno alla vendita di sigarette nel Regno Unito piuttosto che all'atto stesso del fumo. Secondo la nuova legge, ogni anno l'età legale per le vendite di sigarette - attualmente 18 - aumenterà di un anno. 

Il provvedimento, una politica chiave annunciata dal primo ministro conservatore Rishi Sunak lo scorso anno, renderà illegale la vendita di prodotti del tabacco a chiunque sia nato dopo il 2009.

In pratica, le persone nate nel 2009 o dopo il 2009 non saranno mai in grado di acquistare legalmente sigarette, portando a un divieto efficace.

La norma ha anche il via libera del partito laburista all'opposizione.

"La dipendenza non consente di scegliere se fumare o no"

A sostegno del divieto, il responsabile medico dell'Inghilterra, Chris Whitty, ha dichiarato che una volta che le persone diventano dipendenti dal fumo "viene loro tolta la possibilità di scegliere". 

"Quando ero un medico in formazione e mi occupavo di chirurgia, ricordo la tragedia di vedere persone, a cui dovevano essere tagliate le gambe, a causa del fumo che aveva danneggiato le loro arterie, fuori dall'ospedale a piangere mentre si accendevano la sigaretta perché intrappolati dalla dipendenza. Questa non è una scelta" ha aggiunto.

Londra, una selezione multicolor di vaporizzatori
Londra, una selezione multicolor di vaporizzatoriKirsty Wigglesworth/Copyright 2024 The AP. All rights reserved

Il disegno di legge prevede anche misure per reprimere il vaping giovanile, come il divieto di vendita di vaporizzatori usa e getta a basso costo e la limitazione dei loro aromi per evitare che i bambini diventino dipendenti dalla nicotina.

Il divieto rischia di essere controproducente

Attualmente nel Regno Unito è illegale per chiunque vendere sigarette o prodotti del tabacco e vapes a persone di età inferiore ai 18 anni.

Gli oppositori, come il deputato conservatore Simon Clarke, hanno affermato che è meglio concentrarsi sull'educazione e sul sistema fiscale per dissuadere i giovani dal fumare, piuttosto che applicare un divieto assoluto.

"Penso che un divieto assoluto rischi di essere controproducente, che rischi di rendere il fumo più cool, che rischi di creare un mercato nero", ha dichiarato alla BBC.

Si ritiene che i piani siano stati ispirati da politiche simili proposte dalla Nuova Zelanda sotto l'ex primo ministro Jacinda Ardern, ma il nuovo governo di coalizione del Paese ha abrogato la legge all'inizio di quest'anno.

Il governo ha dichiarato che il fumo non sarà criminalizzato e che i cambiamenti graduali significano che a chiunque possa acquistare legalmente sigarette ora non sarà impedito di farlo in futuro.

Il numero di persone che fumano nel Regno Unito è diminuito di due terzi dagli anni '70, ma circa 6,4 milioni di persone nel Paese - o circa il 13% della popolazione - fumano ancora, secondo i dati ufficiali.

Le autorità affermano che il fumo causa circa 80.000 decessi all'anno nel Regno Unito e rimane la prima causa prevenibile di morte, disabilità e cattiva salute.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Dry January: quali sono i Paesi europei che hanno ridotto il consumo di alcol?

La diffusione di droghe in Ue è in aumento. Uno studio mette in guardia sui rischi per la salute

Influenza aviaria: l'Ue si è assicurata fino a 40 milioni di dosi del vaccino