EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Gli scienziati hanno progettato un nuovo farmaco che imita tutti i benefici dell'esercizio fisico

Gli scienziati hanno testato con successo un nuovo farmaco in grado di imitare i benefici di un allenamento rigoroso.
Gli scienziati hanno testato con successo un nuovo farmaco in grado di imitare i benefici di un allenamento rigoroso. Diritti d'autore Canva
Diritti d'autore Canva
Di Oceane Duboust
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il nuovo farmaco stimola il metabolismo e favorisce l'aumento muscolare e la perdita di peso nei topi: ci vorranno anni prima che venga sperimentato sugli esseri umani

PUBBLICITÀ

Gli scienziati hanno testato con successo un nuovo farmaco in grado di imitare i benefici di un allenamento rigoroso.

Il team dell'Università della Florida, negli Stati Uniti, ha testato il farmaco su topi obesi, riuscendo a stimolare il loro metabolismo e ad aumentare l'aumento muscolare e la perdita di peso.

L'esercizio fisico regolare può avere un notevole impatto positivo sulla salute, con benefici comprovati per le persone affette da patologie cardiovascolari, diabete e alcuni tipi di cancro.

Inoltre, secondo il National Health Service britannico, l'attività fisica è stata collegata anche ad una migliore condizione del cervello, con minori rischi di stress, depressione o demenza.

Per quanto riguarda la quantità di esercizio fisico, l'Organizzazione mondiale della sanità raccomanda tra le 2,5 e le 5 ore settimanali di attività moderatamente intensa.

Purtroppo, il 25% degli adulti e l'80% degli adolescenti non soddisfano queste raccomandazioni.

Per raccogliere i frutti dell'attività fisica, gli scienziati hanno cercato da anni un modo per replicare anche solo una parte di questi benefici per la salute e sembra che ci siano finalmente riusciti.

Più muscoli e perdita di grasso

Il team guidato da Thomas Burris, dell'Università della Florida, ha testato questo nuovo farmaco - una molecola chiamata SLU-PP-332 - per 28 giorni e ha pubblicato i risultati sul Journal of Pharmacology and Experimental Therapeutics.

Il farmaco fa parte di una classe di trattamenti noti come "mimetici dell'esercizio", che imitano gli adattamenti fisiologici associati alle attività fisiche.

"Questo composto in pratica dice al muscolo scheletrico di fare gli stessi cambiamenti che si vedono durante l'allenamento di resistenza", ha detto Burris.

Gli scienziati hanno osservato che i topi sottoposti a sperimentazione hanno aumentato il loro dispendio energetico - cioè hanno bruciato più calorie - senza alcun cambiamento di abitudini.

I topi hanno anche accumulato meno grasso nel corpo e migliorato il loro sistema metabolico.

Come funziona il farmaco?

Quando si sottopone ad esercizio fisico, il corpo ha bisogno di più ossigeno ed energia: è possibile osservare questi cambiamenti metabolici a livello cellulare.

Durante la sperimentazione, i ricercatori si sono concentrati sui recettori legati agli estrogeni all'interno delle cellule.

Questi ultimi si trovano nelle parti del corpo che richiedono molta energia, come i muscoli, il cuore e il fegato e sono potenziati dall'attività fisica, un effetto replicato dallo SLU-PP-332.

PUBBLICITÀ

"Quando si trattano i topi con il farmaco, si può notare che il loro metabolismo corporeo si orienta verso l'utilizzo di acidi grassi, che è molto simile a quello che le persone utilizzano quando sono a digiuno o fanno attività fisica", ha detto Burris.

I topi che hanno partecipato alla sperimentazione sono ingrassati dieci volte di meno, perdendo il 12% del loro peso corporeo rispetto al gruppo di controllo.

"Utilizzano più energia semplicemente vivendo", ha aggiunto.

Se verrà sviluppato con successo, il farmaco potrebbe rappresentare una svolta per le persone affette da obesità, diabete o semplicemente per gli anziani che tendono a subire una diminuzione della massa muscolare con il passare del tempo.

PUBBLICITÀ

"Potrebbe essere in grado di mantenere le persone più sane durante l'invecchiamento", ha concluso Burris.

Sebbene i risultati della sperimentazione iniziale siano promettenti, sono necessarie ulteriori ricerche anche sugli effetti collaterali, prima di poter iniziare la sperimentazione sull'uomo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Taiwan, una donna avverte fruscii e scopre un ragno nell'orecchio

Messico, i presunti corpi alieni sono stati sottoposti a test di laboratorio

Cinque oggetti comuni da evitare per ridurre l'esposizione ai Pfas