EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Le società di criptovalute congelano i conti per bloccare i finanziamenti di Hamas

Foto AP/Rick Bowmer
Foto AP/Rick Bowmer Diritti d'autore AP Photo/Rick Bowmer, File
Diritti d'autore AP Photo/Rick Bowmer, File
Di Pascale Davies
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Le forze dell'ordine israeliane hanno collaborato con le società di criptovalute per bloccare i flussi di fondi verso Hamas

PUBBLICITÀ

Le autorità israeliane hanno ordinato la chiusura di decine di conti di criptovalute dopo l'attacco del 7 ottobre da parte di Hamas alla parte meridionale del Paese, come riportato martedì dal Financial Times.

Più di 100 conti sulla più grande borsa di criptovalute del mondo, Binance, sono stati congelati, ha detto il giornale, aggiungendo che le autorità hanno richiesto informazioni su circa 200 altri conti di criptovalute.

"Siamo profondamente rattristati dagli eventi in Medio Oriente", ha dichiarato Binance in una dichiarazione inviata a Euronews Next, aggiungendo che un "piccolo numero di conti" è stato bloccato.

"Come sempre, Binance segue le regole delle sanzioni riconosciute a livello internazionale, bloccando il piccolo numero di conti legati a fondi illeciti". "Ci auguriamo una fine rapida e pacifica del conflitto e la sicurezza di tutti i civili innocenti".

Lunedì, il più grande emittente di stablecoin al mondo  Tether, ha dichiarato di aver bloccato 32 portafogli di criptovalute virtuali collegati a "terrorismo e guerra" in Israele e Ucraina.

Tether ha dichiarato che gli indirizzi dei portafogli hanno un valore combinato di 873.118 dollari (oltre 827.000 euro) e che ha collaborato con l'Ufficio nazionale per il finanziamento del terrorismo in Israele.

Nel frattempo, il 10 ottobre la polizia israeliana ha dichiarato di aver congelato i conti di criptovaluta utilizzati per fare donazioni ad Hamas, un'organizzazione politica e militare islamista, etichettata come gruppo terroristico da Stati Uniti, Unione europea e molti altri Paesi.

Essendo Hamas un'entità terroristica designata, è soggetta a sanzioni e all'esclusione dai sistemi bancari internazionali, rendendo le criptovalute un'alternativa interessante, in quanto operano per lo più al di fuori dei sistemi bancari tradizionali e consentono l'uso di pseudonimi.

Tra l'agosto 2021 e il giugno 2023, Hamas ha ricevuto 41 milioni di dollari (39 milioni di euro) in criptovalute, secondo la società di analisi e software di criptovalute BitOK.

Ma il nuovo amministratore delegato di Tether, Paolo Ardoino, ha dichiarato: "Contrariamente a quanto si crede, le transazioni in criptovaluta non sono anonime; sono i beni più tracciabili e rintracciabili".

"Ogni transazione viene registrata sulla blockchain, rendendo possibile a chiunque tracciare i movimenti dei fondi. Di conseguenza, i criminali abbastanza sciocchi da utilizzare le criptovalute per attività illegali saranno inevitabilmente identificati", ha affermato in un comunicato.

Euronews ha contattato Tether per un commento.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Causa miliardaria per Cristiano Ronaldo, avrebbe promosso investimenti in perdita con Binance

Il miglior periodo dell'anno per i criminali: ecco come proteggersi dalle truffe a Natale

Nel Regno Unito l'inflazione galoppa ancora. Perché?