EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Omnipotent: l'hacker adolescente che rischia l'estradizione negli Usa

Omnipotent: l'hacker adolescente che rischia l'estradizione negli Usa
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nel 2015 il portoghese Diogo Santos Coelho ha creato RaidForums, uno dei più grandi forum di hacking del mondo. All'epoca aveva solo 14 anni. L'Fbi ha scelto di non intervenire fino a quando non ha raggiunto l'età per essere processato come adulto

PUBBLICITÀ

Nei prossimi mesi un giudice britannico deciderà se accogliere la richiesta di estradizione degli Stati Uniti nei confronti di un quattordicenne che ha dato vita a RaidForums, uno dei forum di hacking più popolari al mondo.

Conosciuto online come Omnipotent, l'adolescente ha gestito il forum online che ha iniziato con scherzi innocenti agli utenti del servizio di streaming Twitch, ma che presto è sfociato in bufale pericolose e nella vendita di dati rubati.

L'Fbi sapeva da tempo chi fosse Omnipotent: il portoghese Diogo Santos Coelho. Ma lo hanno arrestato solo quando ha raggiunto l'età per essere processato come un adulto, portando alcuni a chiedersi se le autorità avrebbero dovuto intervenire prima.

RaidFourms: scherzi, allarmi bomba e fughe di dati

"Onnipotent ha avviato RaidForums per poter creare una propria piattaforma di raid. L'idea è nata fondamentalmente per fare scherzi alle persone abusando del live stream. Quando su Twitch si conclude uno streaming live, la piattaforma permette a tutti gli utenti di andare sul canale Twitch di qualcun altro", ha spiegato Waqas Ahmed, che scrive di cybersecurity per HackRead Media. "È iniziata come una buona idea che poi è sfociata in scherzi disastrosi - dice Ahmed -. Facevano i bulli con le persone. Minacciavano di fare bombe".

Euronews
Waqas Ahmed scrive di sicurezza informatica per HackRead MediaEuronews

"Raidforums era il forum di riferimento per le fughe di notizie e gli hack. Era un forum enorme, ma anche una piattaforma di trading, di scambio", ha dichiarato Marco Preuss di Kaspersky Europe.

"L'intento delle fughe di dati era inizialmente quello di mostrare quanto fosse bravo l'hacker in questione. Quando divulgavano i dati, ricevevano i complimenti degli altri e andavano a caccia di pesci ancora più grossi", ha rivelato Ahmed. I giovani hacker si sono presto resi conto del valore dei dati a cui riuscivano ad accedere e hanno iniziato a venderli.

"È stato allora che Omnipotent ha iniziato a permettere tutto. Ha iniziato a fornire servizi di intermediazione ai criminali informatici e agli hacker - ha detto Ahmed -. Raidforums ha guadagnato milioni di dollari. L'Fbi conosceva l'identità di Omnipotent da cinque anni, da quando era un adolescente".

La trappola

"L'Fbi lo sapeva perché si era recato negli Stati Uniti per una visita. È stato immediatamente preso in custodia e i suoi dispositivi sono stati sequestrati, ma non lo hanno arrestato - ha detto Ahmed -. Era un minorenne. Non avrebbe passato molto tempo in prigione. Così gli hanno lasciato gestire la piattaforma, la usano come honeypot per raccogliere quante più informazioni possibili su acquirenti e venditori e poi la chiudono".

Il 12 aprile 2022 l'Ufficio del Procuratore degli Stati Uniti ha annunciato che l'Fbi aveva sequestrato il database di RaidForums e che gli Stati Uniti avevano presentato una richiesta di estradizione al Regno Unito per Diogo Santos Coelho dopo che era stato arrestato nel Paese, su richiesta delle forze dell'ordine statunitensi.

Ora che deve scontare una pena detentiva potenzialmente lunga negli Stati Uniti, gli esperti hanno espresso preoccupazione per il benessere mentale del sospettato e si chiedono se il giudice terrà conto del fatto che era minorenne quando ha creato il sito.

Responsabilità e conseguenze

"I bambini non dovrebbero assolutamente essere processati come adulti per i loro crimini - afferma la dottoressa Kelli Dunlap, psicologa e game designer -. Dovrebbero essere ritenuti responsabili? Sì. Ci devono essere conseguenze per le loro azioni? Sì. Queste conseguenze devono essere le stesse di un adulto con una corteccia prefrontale perfettamente funzionante? No".

Euronews / Kaspersky
Kelli Dunlap, psicologa e game designerEuronews / Kaspersky

"Non è raro che gli imputati siano esposti, di fatto, a condanne all'ergastolo negli Stati Uniti - ha detto Ben Cooper, avvocato specializzato in estradizione -. I pubblici ministeri statunitensi li considerano degli adulti, ignorando il fatto che alcuni comportamenti possono essere stati tenuti quando l'imputato era minorenne".

Euronews
Ben Cooper, avvocato specializzato in estradizioneEuronews

"Molto spesso, soprattutto nei casi di criminalità informatica, gli imputati non hanno una diagnosi di disturbo dello spettro autistico - ha aggiunto Cooper -. Negli Stati Uniti il sistema penitenziario federale è da tempo sottofinanziato. Quindi, in particolare per quanto riguarda l'autismo, le carceri non tengono conto delle vulnerabilità che emergono con questa condizione".

"Penso che dobbiamo dare un po' di tregua a queste persone - ha ammesso Alexander Urbelis, avvocato specializzato in sicurezza informatica presso Crowell and Moring -. Abbiamo un gruppo di persone di straordinario talento che stanno capendo come funzionano i sistemi. Possono trasgredire molti limiti acquisendo questa conoscenza e possono creare scompiglio. Ma credo che sarebbe sbagliato infliggere conseguenze penali straordinariamente dure o sproporzionate a persone che non necessariamente comprendono le conseguenze delle loro azioni".

Condividi questo articolo

Notizie correlate

Londra, inizia l'ultima udienza per l'estradizione di Assange: negli Usa rischia 175 anni di carcere

Pirateria informatica: perché gli Stati Uniti vogliono estradare gli hacker europei?