EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Le start-up ucraine alla fiera tecnologica di Las Vegas: "Qui per aiutare il mondo"

12 le start-up ucraine presenti al Consumer Electric Show di Las Vegas: "Abbiamo bisogno di voi per vincere la guerra, ma siamo qui per aiutare il mondo"
12 le start-up ucraine presenti al Consumer Electric Show di Las Vegas: "Abbiamo bisogno di voi per vincere la guerra, ma siamo qui per aiutare il mondo" Diritti d'autore AP Photo
Diritti d'autore AP Photo
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Orgoglio ucraino alla fiera tecnologica di Las Vegas. 12 le start-up presenti per un domani più sostenibile. "Qui nonostante la guerra. Abbiamo di voi per vincerla, ma anche noi possiamo aiutare il mondo"

Le start-up ucraine alla fiera tecnologica di Las Vegas: "Qui per aiutare il mondo"

PUBBLICITÀ

"Abbiamo bisogno di voi per vincere la guerra, ma anche noi vogliamo aiutare il mondo"

Canti patriottici e solidarità tecnologica. Lontano dalle linee del fronte, l'invasione russa risveglia l'orgoglio delle start-up ucraine, presenti al Consumer Electronic Show di Las Vegas: 12 imprese in fase di lancio, ambasciatrici di soluzioni per un domani avveniristico e più sostenibile. "Abbiamo bisogno di voi per vincere la guerra - dicono - ma anche noi possiamo aiutare il mondo. 

Carta dalle foglie secche e tagli alla CO2: la proposta ucraina per un domani più verde

"Usiamo le foglie secche raccolte per strada e nei parchi per produrre la carta più ecologica al mondo - dice Alexander Sobolenko, fondatore di ReLeaf -. Non solo non tagliamo neanche un albero, ma rispetto alla carta tradizionale, in fase produttiva, tagliamo quasi l'80% delle emissioni". 

AP Photo
Orgoglio ucraino al CES di Las Vegas. Le start-up presenti: "La guerra non ci ha piegato. Siamo anzi più uniti e solidali di prima"AP Photo

"I soldati combattono, noi sviluppiamo soluzioni. Ciascuno fa la sua parte"

La guerra si è fatta sentire anche sul business ucraino, ma gli addetti ai lavori che saranno qui a Las Vegas fino a domenica parlano di solidarietà e unità senza precedenti. "Noi ucraini siamo vicini all'Occidente, siamo europei - dice Nazar Trokhymchuk, fondatrice della start-up Rekava -. Coltiviamo anche noi idee innovative e continuiamo a puntare molto sulle start-up, nonostante la guerra. I soldati combattono, il business gira e noi continuiamo a portare avanti i nostri progetti. Ciascuno fa quindi la sua parte". Caparbietà e resilienza che gli insider ascrivono all'intero settore: c'è chi ha dovuto trasferirsi per sfuggire alle bombe, dicono, ma su oltre 150 start-up nessuna si è arresa alla guerra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Stati Uniti: in carcere la fondatrice della start-up Theranos

Spagna, nuove opportunità per ''nomadi digitali'' e start-up

Violato il più grande mercato di scambio di criptovalute in Turchia