L'ingegnere marocchina che difende la sostenibilità sfidando gli stereotipi

Access to the comments Commenti
Di Damon Embling
L'ingegnere marocchina che difende la sostenibilità sfidando gli stereotipi
Diritti d'autore  euronews   -  

Per Hanane Mourchid la sostenibilità è fondamentale. Ingegnere di professione, Mourchid sta sfruttando tecnologia e innovazione per rendere un'azienda marocchina di fertilizzanti neutrale dal punto di vista delle emissioni di CO2 entro il 2040.

"Per me la sostenibilità è un modo di vivere, un modo di pensare. È essere consapevoli e assolutamente in armonia con le comunità che ci circondano, con il pianeta", dice Hanane. In qualità di direttore esecutivo della Sostenibilità e dello Sviluppo Verde del gruppo Ocp, Hanane sta promuovendo la sostenibilità di un'azienda statale che alimenta l'agricoltura mondiale.

"Ero un ingegnere chimico che si occupava della produzione di fertilizzanti e di centrali elettriche e questo mi ha aiutato a vedere la realtà sul campo e ad essere più consapevole dell'impatto sull'ambiente - spiega Hanane. Ho iniziato a essere consapevole degli impatti del cambiamento climatico. Ora stiamo iniziando a vedere la realtà e gli effetti reali sul campo".

Euronews
Hanane Mourchid al lavoroEuronews

Ocp produce fertilizzanti a base di fosfato, estratto in Marocco. Il processo di produzione richiede un'elevata quantità di acqua ed energia. Anche l'ammoniaca fa parte del processo. La domanda è: come può essere sostenibile questo processo di produzione?

"Consideriamo la nostra missione una missione planetaria e una missione umana, lavorare per la sicurezza alimentare, eccetera - dice Hanane -. Abbiamo investito molto per fare della sostenibilità una componente fondamentale della nostra strategia. Lavoriamo anche per fornire percorsi sostenibili per il consumo di acqua, energia e risorse. Purtroppo la quantità di materie prime organiche esistenti nel mondo non è sufficiente a soddisfare tutte le esigenze del pianeta in termini di fertilizzazione. È una quantità molto ridotta".

Ocp ha investito molto in tecnologia e innovazione, come la desalinizzazione dell'acqua, l'energia eolica e solare, per raggiungere la neutralità carbonica entro il 2040. Ma 18 anni sono tanti in un mondo in continuo cambiamento. "Molte delle nostre sfide sono legate allo sviluppo tecnologico. Bisogna essere realisti, i nostri obiettivi non possono essere raggiunti prima di allora", spiega Hanane.

"L'innovazione è molto importante per realizzare la produzione in scala - continua Hanane. Sappiamo come produrre idrogeno verde, ma non abbiamo ancora un modello per produrlo in scala e alimentarlo con energia pulita tutto il giorno, perché è necessario gestire l'intermittenza dell'energia solare, eolica, ecc. Quindi, l'innovazione contribuirà a risolvere questo problema".

Per Hanane diventare leader della sostenibilità in un settore tradizionalmente dominato dagli uomini non è facile. "La sfida più grande è rappresentata dagli stereotipi - afferma Mourchid. Il fatto che molte persone pensino che questo sia un settore per uomini e che per le donne non ci sia posto. Anche molte donne intorno a me stanno combattendo contro questo tipo di percezione".

Il gruppo Ocp si è concentrato sulla promozione della diversità e dell'inclusione nelle sue attività: il 30% dei dirigenti sono donne, così come il 60% delle nuove assunzioni negli impianti minerari e chimici. All'inizio di quest'anno Hanane ha vinto un premio del World Business Council for Sustainable Development, che ha lodato la sua leadership durante la pandemia. Cosa rende una persona un buon leader? "Penso che sia molto semplice - dice Hanane. Quando dai un senso alle persone intorno a te e hai un obiettivo comune, allora tutto diventa molto facile".