This content is not available in your region

L'industria del cioccolato tra crisi climatica e dilemmi etici

Di Guy Shone & Nina Borowski
euronews_icons_loading
L'industria del cioccolato tra crisi climatica e dilemmi etici
Diritti d'autore  euronews

Il cioccolato è una tentazione a cui è difficile resistere. Ogni anno nel mondo ne vengono consumate più di 7 milioni di tonnellate. L'industria del cioccolato ha un giro d'affari di oltre 124 miliardi di euro. Attualmente si producono 5 milioni di tonnellate di cacao all'anno. Il 70% cento proviene dai paesi da Costa d'Avorio e Ghana.

Secondo un rapporto pubblicato da Fior Markets il valore dell'industria del cioccolato dovrebbe aumentare a più di 177 miliardi di euro entro il 2028. Il cioccolato continua ad andare a ruba nei negozi, ma gli investitori sono più cauti dei consumatori a causa dei prezzi volatili del cacao che lo rendono una scommessa rischiosa.

Oggi, però, investire nel cioccolato sembra una prospettiva sempre più allettante. Victoria Scholar è la responsabile degli investimenti di Interactive Investor a Londra. "Le materie prime in generale hanno fatto molto bene ultimamente, grazie ad una rinnovata domanda in seguito dalla pandemia - dice Scholar -. Finora l'offerta ha superato la domanda, ma queste dinamiche stanno cambiando. Ci sono stati problemi legati al clima in Costa d'Avorio che hanno portato a una diminuzione dell'offerta, e abbiamo visto una grande ripresa della domanda. Quindi il cacao è molto apprezzato dagli investitori in questo momento".

Sfide sociali, economiche e climatiche

L'industria del cioccolato è un grande business e per anni gli attivisti dei diritti umani hanno chiesto che le grandi aziende commerciassero in modo equo. Anche i consumatori chiedono sempre più spesso di mangiare cioccolato prodotto con cacao raccolto in modo etico.

In aggiunta a tutto questo minacce globali come la pandemia e il cambiamento climatico stanno avendo un impatto sulla strada da percorrere per il mercato del cacao. Jacques Torres è un cioccolatiere di fama mondiale. È un pasticcere pluripremiato ed è in attività da cinque decenni. Oltre ad avere la sua linea di cioccolato, è anche un giudice capo della serie Netflix "Nailed It!

Crede che i problemi che affronta l'industria possano essere trasformati in una "opportunità per fare qualcosa di un po' diverso", e si aspetta di trovare soluzioni a queste sfide. Per Torres ascoltare i clienti è essenziale. "I nostri clienti vogliono nuovi prodotti, vogliono esplorare con noi".

Gli effetti del cambiamento climatico sul cacao

La crisi climatica è diventata un grosso problema per l'industria del cacao, molto prima dell'inizio della pandemia. Torres ha visto l'impatto sui paesi di produzione. "Il cacao risente di un clima troppo secco o troppo caldo - dice a Euronews -. È una pianta che non cresce ovunque. Il clima è una grande incognita per il futuro. È quello che mi spaventa più di ogni altra cosa".

Produzione sostenibile

Gli effetti del cambiamento climatico potrebbero alla fine intaccare i profitti in crescita dell'industria del cioccolato. Il produttore francese di cioccolato Valrhona ha fatto della sostenibilità il suo marchio di fabbrica Valrhona ha oltre 40.000 clienti in 85 paesi e sta cercando di sviluppare relazioni sostenibili con i coltivatori locali. Sta anche applicando metodi come l'agroforesteria e piantando alberi intorno alle coltivazioni di cacao per combattere la deforestazione. L'azienda crede che in questo modo stia anche preservando la qualità delle fave di cacao, un modo per assicurarsi che i loro prodotti continuino a vendere.

L'azienda ha anche un museo del cioccolato in Francia dove, tra le altre cose, cerca di rendere i consumatori più responsabili. Valrhona è una grande azienda che fattura più di 88 milioni di euro. Come fa a sostenere veramente i piccoli produttori di cacao?

"Siamo corretti con i produttori di cacao - dice Carole Seignovert, responsabile della sostenibilità dell'azienda -. Paghiamo loro un prezzo giusto. Investiamo in progetti comunitari. Ci assicuriamo che proteggano l'ambiente. Poi, ovviamente, ci prendiamo cura dei dipendenti. Valrhona è da anni un posto eccellente dove lavorare. Stiamo anche riducendo il nostro impatto ambientale".

L'industria è destinata a crescere nei prossimi anni, ma con migliaia di coltivatori di cacao che vivono ancora sotto la soglia di povertà, è chiaro che molte altre aziende devono impegnarsi veramente a mettere le persone davanti al profitto.