This content is not available in your region

Secondo uno studio pubblicato sul Lancet, il Covid può danneggiare le facoltà cognitive

Access to the comments Commenti
Di Euronews
agosto 2021: dottori assistono un paziente Covid in ventilazione polmonare allo Yokohama City Seibu Hospital di Yokohama
agosto 2021: dottori assistono un paziente Covid in ventilazione polmonare allo Yokohama City Seibu Hospital di Yokohama   -   Diritti d'autore  YASUYOSHI CHIBA/AFP or licensors
Dimensioni di testo Aa Aa

Il COVID-19 sta rendendo la popolazione meno intelligente? Uno studio pubblicato a fine luglio sulla rivista The Lancet sottolinea come la patologia possa produrre riduzioni sostanziali delle capacità cognitive dei pazienti .

"Gli individui che si sono ripresi da COVID-19 - scrivono i ricercatori - compresi i casi confermati che si sono risolti a livello domiciliare e non hanno avuto supporto medico, sono stati valutati, in una serie di test cognitivi, con un punteggio peggiore di quanto ci si potrebbe aspettare considerando la loro età e i profili demografici".

Gli scienziati hanno raccolto dati da oltre 81.000 persone che hanno preso parte al Great British Intelligence Test: tra loro, 12.689 personehanno affermato di aver contratto il coronavirus con diversi livelli di gravità respiratoria.

Il valore aggiunto di questo studio è l'analisi di un ampio set di dati che comprende una valutazione cognitiva dettagliata e i dati del questionario relativi all'infezione da COVID-19, provenienti da decine di migliaia di individui che coprono un ampio campione d'indagine.

I ricercatori hanno determinato se il grado e/o la natura del deficit cognitivo fossero correlati alla gravità dei sintomi respiratori, in base al livello di assistenza medica, alla verifica positiva dell'infezione da un test biologico o al tempo trascorso dall'inizio della malattia.

L'indagine includeva nove test di intelligenza che misuravano problemi come la memoria, l'attenzione, la percezione spaziale o il pensiero semantico.

I deficit erano sostanziali per le persone che erano state ricoverate, ma anche per i casi che avevano avuto conferma dell'infezione da COVID, pur senza bisogno di ricovero.

Gli scienziati hanno notato prove crescenti che indicano che le persone con una grave malattia da COVID-19 possono avere sintomi che persistono oltre la condizione iniziale, anche durante la fase subacuta e la fase cronica precoce.

Questo quadro viene comunemente definito "covid lungo" e implica una condizione che, colloquialmente, viene definita "brain fog" (nebbia cerebrale) con sintomi psico-fisici quali bassa energia, problemi di concentrazione, disorientamento e difficoltà a trovare le parole giuste.

Parallelamente, casi di studio hanno fornito prove del fatto che i pazienti COVID-19 possono sviluppare una serie di complicanze neurologiche, comprese quelle derivanti da ictus, encefalopatie, sindrome infiammatoria, microemorragie e risposte autoimmuni.

Una differenza di 7 punti QI

Secondo Adam Hampshire e i suoi colleghi dell'Imperial College di Londra, la riduzione del punteggio globale composito di 0,47 DS per il gruppo ricoverato in ventilazione polmonare è stata maggiore del calo medio delle prestazioni complessive che si verifica tra i 20 ei 70 anni. Era anche maggiore del deficit medio di 480 persone che hanno riferito di aver avuto in precedenza un ictus e delle 998 che hanno riferito di avere difficoltà di apprendimento. A titolo di confronto, in un classico test di intelligenza, 0,47 DS è equivalente a una differenza di 7 punti nel QI.

Le persone che erano state ricoverate in ospedale hanno mostrato sostanziali deficit di prestazioni globali a seconda che fossero state collegate a un ventilatore.

Coloro che sono rimasti a casa, cioè senza supporto ospedaliero, hanno mostrato piccoli deficit di prestazioni complessive statisticamente significativi.

I deficit erano più pronunciati nei parametri che riguardavano le funzioni cognitive come il ragionamento, la risoluzione dei problemi, la pianificazione spaziale e il rilevamento degli obiettivi, mentre venivano evitati i test per funzioni più semplici come la memoria di lavoro e l'elaborazione emotiva. Questi risultati sono coerenti con le segnalazioni arrivate nei casi di Covid della prima ondata, che riguardavano spesso "nebbia cerebrale", problemi di concentrazione e difficoltà a trovare le parole giuste

"L'analisi dei marcatori di intelligenza pre-malattia non ha confermato che queste differenze fossero presenti prima dell'infezione. Un'analisi più dettagliata delle prestazioni del sottotest ha supportato l'ipotesi che il COVID-19 abbia un impatto multi-dimensionale sulla cognizione umana", indica il responsabile dello studio.

Nonostante le loro osservazioni in questo studio, i ricercatori notano che è ancora necessario lavorare di più per correlare i deficit con le cause sottostanti, ad esempio nei cambiamenti neurologici, nell'affaticamento e nell'apatia.