EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Bulgaria: la campagna elettorale entra nel vivo, si vota per le europee e per l'Assemblea nazionale

La campagna elettorale in Bulgaria volge al termine
La campagna elettorale in Bulgaria volge al termine Diritti d'autore Valentina Petrova/AP
Diritti d'autore Valentina Petrova/AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La Bulgaria si prepara alle elezioni per il Parlamento europeo in cui il Paese eleggerà 17 eurodeputati. Si terranno anche le elezioni anticipate dell'Assemblea nazionale in cui verranno eletti 240 deputati. È la sesta volta che il Paese va alle urne dal 2021

PUBBLICITÀ

In Bulgaria la campagna elettorale per le elezioni europee sta entrando nel vivo, mancano pochi giorni a quando, il prossimo 7 giugno, inizierà il silenzio elettorale nel Paese.

Diciassette sono gli eurodeputati bulgari che siederanno a Strasburgo. Nello stessa tornata si voterà anche per le elezioni anticipate dell'Assemblea nazionale in cui saranno eletti 240 deputati.

I Cittadini per lo Sviluppo Europeo della Bulgaria (Gerb) sono in testa nei sondaggi pre-elettorali dalle rilevazioni dell'agenzia Mediana.

Il sondaggio riporta che il 29 per cento dei bulgari voterà per il Gerb, mentre il partito nazionalista Vazrazhdane (Rinascita) riceverà il 15 per cento delle preferenze.

Secondo Mediana, oltre 400 mila elettori sono ancora indecisi su chi votare.

Personalità europee di spicco come l'uscente presidente della Commissione europea, Ursula von der Leyen, e il capogruppo del Partito Popolare Europeo, Manfred Weber, hanno dato il loro sostegno all'ex primo ministro bulgaro e leader del Gerb, Boyko Borisov.

"Con il nostro voto aiuteremo il buon governo dell'Unione Europea negli anni a venire", ha dichiarato Borisov.

Il partito Rinascita, che corre al secondo posto nei sondaggi, ha più volte espresso opinioni filorusse e anti-europeiste.

"Vogliamo la rimozione delle sanzioni contro la Russia e il risarcimento delle imprese bulgare per i danni subiti", ha dichiarato il leader del partito Kostadin Kostadinov,

"Vogliamo anche la rimozione degli aiuti militari all'Ucraina e la garanzia che nessun soldato bulgaro sarà inviato in guerra. E poi, la rinegoziazione delle condizioni di adesione della Bulgaria all'Unione europea. Si tratta di misure importanti, obbligatorie, eccezionalmente urgenti che devono essere intraprese entro le prossime settimane".

Una spirale di instabilità politica interna

Nella stessa tornata elettorale si voterà anche per il Parlamento unicamerale bulgaro. È la sesta volta che il Paese si reca alle urne dal 2021 per eleggere l'Assemblea nazionale.

L'attuale governo temporaneo era stato formato dal Gerb e dal principale partito della minoranza turca - i centristi liberali del Dps, che fanno parte del gruppo europeo Renew Europe.

Nel 2020 la Bulgaria è stata scossa da proteste di massa contro la corruzione e l'allora primo ministro Boyko Borisov fu costretto a dimettersi. Dopo queste manifestazioni, la leadership politica bulgara non è riuscita a produrre alcuna riforma, portando il Paese in una spirale di instabilità politica.

La Bulgaria, negli ultimi anni, è stata uno dei più stretti alleati europei di Mosca. Il presidente Rumen Radev è stato ampiamente accusato di essere filorusso dai suoi oppositori. Radev condannato la Russia per l'invasione dell'Ucraina, ma ha anche rifiutato di fornire aiuti a Kiev.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Romania e Bulgaria nell'area Schengen: viaggi in aereo e nave senza il passaporto

Quali sono i Paesi europei più vicini ai loro obiettivi di energia sostenibile?

Proteste degli agricoltori, blocchi stradali in 20 province spagnole. Azioni anche in Bulgaria