EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Von der Leyen: Putin "ha davvero spinto" la transizione green, ma il ritmo è "ancora troppo lento"

Ursula von der Leyen ha dichiarato martedì che il ritmo globale della transizione verde è "ancora troppo lento".
Ursula von der Leyen ha dichiarato martedì che il ritmo globale della transizione verde è "ancora troppo lento". Diritti d'autore Markus Scholz/(c) Copyright 2024, dpa (www.dpa.de). Alle Rechte vorbehalten
Diritti d'autore Markus Scholz/(c) Copyright 2024, dpa (www.dpa.de). Alle Rechte vorbehalten
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I tentativi di "ricatto" di Vladimir Putin sono serviti solo ad accelerare la transizione verde dell'Unione europea, ha dichiarato martedì Ursula von der Leyen

PUBBLICITÀ

Prima che il presidente russo Vladimir Putin decidesse di lanciare l'invasione su larga scala dell'Ucraina, il blocco era fortemente dipendente dall'importazione di combustibili fossili russi, in particolare dal gas, che riceveva a basso prezzo attraverso una vasta rete di gasdotti.

Ma la guerra ha costretto gli Stati membri a tagliare drasticamente i combustibili russi dal loro sistema energetico attraverso una combinazione di sanzioni (su petrolio e carbone) e iniziative nazionali (sul gas) volte a privare il Cremlino di un'importante fonte di entrate.

"Due anni fa (...) un'unità su cinque di energia consumata nell'Unione europea proveniva da combustibili fossili russi. Oggi è una su venti", ha dichiarato martedì la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen durante una visita a Parigi per celebrare il 50esimo anniversario dell'Agenzia internazionale dell'energia (Iea).

"Nell'Unione Europea abbiamo ottenuto complessivamente più energia dalle rinnovabili che dalla Russia. E l'anno scorso, nel 2023, per la prima volta in assoluto, abbiamo prodotto più elettricità dal vento e dal sole che dal gas", ha proseguito.

"Il tentativo di Putin di ricattare la nostra Unione è completamente fallito. Al contrario, ha davvero dato una spinta alla transizione green"
Ursula von der Leyen
Presidente della Commissione europea

Il ritmo della transizione green è ancora troppo lento

Von der Leyen ha comunque osservato che, nonostante gli sforzi compiuti sulla scia della crisi energetica del 2022, il ritmo globale della transizione è "ancora troppo lento" e ha esortato i governi di tutto il mondo a incrementare la capacità rinnovabile, a mobilitare quantità "massicce" di investimenti e a lavorare insieme per garantire l'approvvigionamento delle materie prime e promuovere l'innovazione.

"La vecchia economia dei combustibili fossili si basa sulle dipendenze. La nuova economia dell'energia pulita si basa sulle interdipendenze", ha dichiarato.

La strada da percorrere è ancora lunga: secondo gli ultimi dati forniti dalla Commissione, il tasso di dipendenza dell'Ue dal gas russo è sceso dal 45% del 2021 al 15% del 2023, il che significa che il consumo è diminuito notevolmente ma non è scomparso del tutto.

Alcuni Paesi sono ancora dipendenti dal gas russo

Il fatto che molti Paesi europei continuino ad acquistare volentieri il gas russo, attraverso i gasdotti in Europa centrale o i terminali G****nl in Francia, Belgio e Spagna, ha causato persistenti attriti tra gli Stati membri, alcuni dei quali vogliono che il blocco adotti un divieto di importazione giuridicamente vincolante, come è stato fatto per escludere il petrolio e il carbone russo via mare.

Lunedì il governo austriaco ha ammesso che il tasso di dipendenza del Paese dal gas russo è salito dal 76% di novembre al 98% di dicembre, la cifra più alta dall'inizio dell'invasione. Il ministro dell'Energia Leonore Gewessler ha attribuito la responsabilità della situazione a un contratto firmato tra Omv, la principale compagnia energetica austriaca, e Gazprom, il monopolio statale russo, valido fino al 2040.

"Il mercato e le compagnie energetiche che ne fanno parte non stanno adempiendo alla loro responsabilità di ridurre sufficientemente la dipendenza dal gas russo", ha dichiarato Gewessler, e "la diversificazione delle nostre importazioni di gas sta avanzando troppo lentamente".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Unione europea, l'eredità della Commissione di Ursula von der Leyen

In calo per la prima volta in 45 anni la percentuale di donne al Parlamento europeo

Tempo estremo in Slovacchia: due morti a causa di una frana