"Opzione nucleare" contro l'Ungheria: sospesa finché "non ci sarà una chiara maggioranza a favore"

Didier Reynders, Commissario europeo per la Giustizia, ha dichiarato lunedì che non c'è una chiara maggioranza a favore dell'applicazione dell'articolo 7 nei confronti dell'Ungheria.
Didier Reynders, Commissario europeo per la Giustizia, ha dichiarato lunedì che non c'è una chiara maggioranza a favore dell'applicazione dell'articolo 7 nei confronti dell'Ungheria. Diritti d'autore European Union, 2023.
Di Jorge Liboreiro
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

La Commissione europea non farà ricorso all'articolo 7, la cosiddetta opzione nucleare, contro l'Ungheria per violazione dei diritti fondamentali finché non ci sarà una forte maggioranza a favore tra gli Stati membri.

PUBBLICITÀ

"Non è possibile per la Commissione prendere una decisione nel corso del processo", ha dichiarato lunedì pomeriggio Didier Reynders, Commissario europeo per la Giustizia.

L'Ungheria è sottoposta alla prima fase dell'articolo 7 dal 2018 a causa del regresso democratico del primo ministro Viktor Orbán, accusato di aver indebolito l'indipendenza della magistratura, perpetuato il clientelismo, diluito il pluralismo dei media, abusato dei poteri di emergenza, approvato leggi anti-LGBT e ostacolato i diritti di asilo.

Sebbene non abbia a che fare con lo Stato di diritto, la decisione di Orbán del mese scorso di porre da solo il veto a un fondo da 50 miliardi di euro proposto per fornire all'Ucraina un'assistenza finanziaria a lungo termine ha aumentato drasticamente l'esasperazione a Bruxelles, portando a chiedere un'azione di forza. La decisione sarà ridiscussa giovedì in un vertice straordinario ad alta tensione.

In questo momento non c'è alcuna decisione della Commissione per attivare il passo successivo ai sensi dell'articolo 7.
Didier Reynders
Commissario europeo alla giustizia

In una risoluzione scottante votata all'inizio del mese, il Parlamento europeo ha chiesto che l'articolo 7 passi alla seconda fase e concluda "l'esistenza di una violazione grave e persistente" dei diritti fondamentali in Ungheria. Ma questa nuova fase, che non è mai stata attivata, richiede una proposta scritta della Commissione europea o di un terzo degli Stati membri.

Una volta presentata la proposta, i leader dell'Ue possono votare all'unanimità, senza il Paese accusato, per dichiarare la grave violazione legale.

"In questo momento non c'è alcuna decisione della Commissione per attivare il passo successivo ai sensi dell'articolo 7", ha dichiarato Reynders dopo una riunione dei ministri degli Affari europei a Bruxelles. "Il motivo è molto semplice", ha aggiunto, puntando il dito contro la mancanza di consenso all'interno del Consiglio.

Sebbene alcuni diplomatici abbiano suggerito che l'umore per inasprire l'articolo 7 sia diventato più favorevole alla luce del veto di Orbán e delle sue richieste "transazionali", Reynders ha chiarito che l'unanimità richiesta è ancora uno scenario remoto.

"Non c'è niente di peggio che presentare una proposta per poi vederla respinta", ha dichiarato Reynders ai giornalisti.

"Se in Consiglio ci sarà un chiaro segnale sulla possibile maggioranza o maggioranza qualificata, o addirittura un'unanimità per prendere una decisione, naturalmente la Commissione seguirà la posizione degli Stati membri".

Lo slovacco Robert Fico, che in precedenza aveva espresso riserve sul fondo da 50 miliardi di euro per l'Ucraina, e l'italiana Giorgia Meloni, che ha cercato di porsi come mediatrice tra Budapest e Bruxelles, sono tra i leader che potrebbero esitare a far avanzare l'articolo 7.

Se in Consiglio ci sarà un chiaro segnale sulla possibile maggioranza o maggioranza qualificata, o addirittura un'unanimità per prendere una decisione, naturalmente la Commissione seguirà la posizione degli Stati membri.
Didier Reynders
Commissario europeo alla giustizia

Una volta accertata la "violazione grave e persistente", l'articolo 7 può portare a una terza fase: la sospensione dei diritti di adesione, compresi quelli di voto. Privare Orbán del suo potere di veto risolverebbe l'impasse sugli aiuti all'Ucraina e fornirebbe immediatamente a Kiev la liquidità necessaria per colmare il suo deficit di bilancio in continua crescita.

Ma trasformare l'Ungheria in uno Stato membro impotente e di seconda classe sarebbe una mossa radicale dalle conseguenze imprevedibili. La settimana scorsa, un alto diplomatico dell'UE ha dichiarato in forma anonima che l'inasprimento dell'articolo 7 sarebbe "inappropriato" proprio mentre l'Unione sta cercando di trovare una soluzione tra i 27 Paesi.

Altri, tuttavia, hanno manifestato più apertamente la loro irritazione.

"Speriamo davvero che la strada da percorrere sia quella di una soluzione a 27 paesi, ma, naturalmente, tutte le opzioni dovrebbero essere sul tavolo", ha dichiarato Anders Adlercreutz, ministro finlandese per gli Affari europei, prima di partecipare alla riunione di lunedì.

"Dobbiamo spiegare al popolo ungherese: Vogliono essere loro a dire agli ucraini 'Scusate, vi lasciamo in pace e cercate di aiutarvi da soli'? Non dovremmo dimenticare la nostra storia e che siamo stati felici di avere il sostegno degli altri", ha rincarato il lussemburghese Xavier Bettel, riferendosi alla liberazione dell'Europa durante la Seconda guerra mondiale.

Speriamo davvero che la strada da percorrere sia quella di una soluzione a 27 paesi, ma, naturalmente, tutte le opzioni dovrebbero essere sul tavolo.
Anders Adlercreutz
Ministro finlandese per gli Affari europei

Da Budapest, Orbán e i suoi deputati hanno giurato di mantenere la loro posizione, anche se il fatto che abbiano avanzato richieste in cambio della revoca del veto suggerisce che c'è spazio, anche se limitato, per raggiungere una sorta di compromesso durante il vertice straordinario.

Nel frattempo, a riprova della crescente esasperazione di Bruxelles, il Financial Times ha riportato l'esistenza di un piano "confidenziale" per "sabotare" l'economia ungherese se Orbán si rifiuterà di revocare il suo veto. Il presunto piano congelerebbe tutti i finanziamenti dell'Ue a Budapest, scatenerebbe una corsa alla valuta nazionale e spaventerebbe gli investitori stranieri.

L'accesso ai fondi dell'Ue viene usato per ricatti politici.
János Bóka
Ministro ungherese per gli Affari europei
Non dovremmo dimenticare la nostra storia e che siamo stati felici di avere il sostegno degli altri.
Xavier Bettel
Ministro lussemburghese per gli Affari esteri

Un alto funzionario dell'Ue ha riconosciuto l'esistenza di un "documento fattuale" sullo stato dell'economia ungherese redatto dal segretariato del Consiglio che "avanza un suggerimento che non è in linea con il corso delle azioni dei negoziati".

PUBBLICITÀ

Il ministro ungherese per gli Affari europei János Bóka ha replicato dicendo che "il documento, redatto dai burocrati di Bruxelles, non fa altro che confermare ciò che il governo ungherese dice da tempo: l'accesso ai fondi dell'Ue viene usato per ricatti politici".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Arma nucleare spaziale russa: la Casa Bianca abbassa i toni

Caso Salis, lettera dal carcere il 2 ottobre: l'Italia sapeva delle sue condizioni

Fondi per l'Ungheria: gli eurodeputati interrogano i commissari sull'accordo con Budapest