EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Frenare l'immigrazione irregolare per fermare l'estrema destra, secondo Manfred Weber

Manfred Weber, leader del Partito Popolare Europeo (PPE), ha difeso il memorandum UE-Tunisia come "la cosa più urgente".
Manfred Weber, leader del Partito Popolare Europeo (PPE), ha difeso il memorandum UE-Tunisia come "la cosa più urgente". Diritti d'autore European Union, 2023.
Diritti d'autore European Union, 2023.
Di Jorge Liboreiro
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Le prossime elezioni del Parlamento europeo potrebbero essere una vittoria schiacciante per l'estrema destra se i governi non saranno in grado di dimostrare di saper gestire l'immigrazione in modo efficace, ha avvertito Manfred Weber.

PUBBLICITÀ

"La gente vuole vedere dei risultati. E questo significa, in pratica, che dobbiamo ridurre il numero di arrivi irregolari", ha dichiarato mercoledì mattina Manfred Weber, il leader del Partito Popolare Europeo (PPE) di centro-destra.

Nei primi dieci mesi del 2023, l'Unione europea ha registrato quasi 331.000 attraversamenti irregolari delle frontiere. "I centri di accoglienza in Austria, Belgio, Paesi Bassi e Germania sono pieni. La gente vede le immagini di Lampedusa", ha proseguito Weber, "e vuole uno Stato che risolva i problemi, che gestisca la situazione. E finora non l'abbiamo fatto".

"Il 60% di coloro che arrivano dalla rotta del Mediterraneo non possono restare. Devono tornare indietro. Ma sui rimpatri, lo Stato non funziona", ha sottolineato Manfred Weber.

Durante un incontro con i giornalisti a cui ha partecipato Euronews, Weber, il cui gruppo è la più grande formazione del Parlamento europeo, ha parlato anche dei recenti risultati delle elezioni olandesi, che hanno portato alla sorprendente vittoria di Geert Wilders e del suo partito di estrema destra e anti-Islam PVV dopo una campagna elettorale dominata dalla crisi del costo della vita, dalla mancanza di alloggi a prezzi accessibili e dall'aumento dei richiedenti asilo.

Il risultato è stato interpretato come un duro rimprovero ai partiti centristi che hanno dominato la politica olandese per oltre un decennio. Sebbene non sia ancora chiaro se Wilders sarà in grado di ottenere una maggioranza di governo e diventare primo ministro, la sua forte affermazione ha fatto temere un'ondata di estrema destra alle prossime elezioni europee, previste tra il 6 e il 9 giugno.

I sondaggi mostrano già che i partiti di estrema destra godono di una forte posizione in Paesi come la Francia, la Germania, l'Austria e la regione fiamminga del Belgio, e stanno crescendo in Portogallo e Romania.

Facendo eco a questi timori, Weber ha invitato il Parlamento europeo e gli Stati membri a concludere il Nuovo Patto sulla Migrazione e l'Asilo prima che gli europei vadano alle urne, in modo che i governi abbiano almeno un risultato per gli elettori scettici.

Il Nuovo Patto è una riforma globale della politica comune del blocco che prevede un sistema permanente di "solidarietà obbligatoria"per garantire che l'onere sia effettivamente condiviso tra i 27 Paesi."Abbiamo bisogno di una soluzione. Se non riusciamo a trovare una soluzione sul patto migratorio, rischiamo di ritrovarci in una situazione molto difficile per l'Unione europea", ha dichiarato Weber.

L'irrigidimento della posizione di Weber sulla migrazione è stata criticata dai gruppi socialisti e verdi come un tentativo di calmare l'estrema destra e di imitarne l'agenda radicale sotto una patina di centrismo. **Negli ultimi anni, diversi partiti appartenenti al PPE hanno stretto accordi di coalizione con formazioni di estrema destra per raggiungere il potere.**In Italia, Forza Italia, affiliata al PPE, è uno dei tre partiti che sostengono il governo del Primo Ministro Giorgia Meloni, che è stato descritto come l'esecutivo più di destra nella storia del Paese.

All'inizio di questo mese, la Meloni ha firmato un protocollo con il primo ministro albanese Edi Rama per esternalizzare il trattamento di un massimo di 36.000 domande di asilo all'anno al Paese balcanico. Un accordo senza precedenti, che ha sollevato seri interrogativi sull'applicazione extraterritoriale del diritto dell'Ue e sulle potenziali violazioni dei diritti umani. Meloni ha difeso il protocollo come uno sviluppo naturale della rinnovata attenzione dell'Ue alla "dimensione esterna" della migrazione,un termine generico per promuovere una più stretta cooperazione con i Paesi di transito e di origine con l'obiettivo finale di prevenire gli arrivi irregolari sul suolo europeo.

Finora, l'unico risultato a livello europeo della "dimensione esterna" è stato il memorandum d'intesa con la Tunisia, la principale porta d'ingresso per i migranti che cercano di raggiungere le coste italiane.

Weber, tuttavia, è sembrato ottimista e ha affermato che, se il blocco mantiene le promesse di investimento fatte alla Tunisia, il Paese "ci aiuterà a combattere l'immigrazione irregolare".

"So che le cose non sono facili, ma ora abbiamo l'opportunità di lavorare insieme ai nostri vicini", ha detto Weber ai giornalisti. "L'accordo con la Tunisia è la cosa più urgente".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Von der Leyen lancia un'alleanza globale per contrastare il traffico di migranti

L'accordo migratorio Italia-Albania è "al di fuori" del diritto dell'Ue, dice la commissaria Ylva Johansson

Slovacchia: contro-manifestazione e rischio attentati durante il pride a Bratislava