EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Ue, sfida aperta per ospitare l'organo di controllo del riciclaggio di denaro europeo

L'Ue sta cercando una sede per la sua agenzia di riciclaggio di denaro
L'Ue sta cercando una sede per la sua agenzia di riciclaggio di denaro Diritti d'autore (Alexas/Pixabay)
Diritti d'autore (Alexas/Pixabay)
Di Jack Schickler
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Il denaro, la geopolitica e l'abilità nel riciclaggio sono tutti elementi che entrano in gioco quando le città, da Madrid a Vilnius, si contendono la sede della nuova agenzia

PUBBLICITÀ

La battaglia per ospitare l'agenzia antiriciclaggio dell'Union europea si sta intensificando: nove stati sono in lizza, dopo la chiusura delle candidature, e la sfida è aperta.

Secondo numerose fonti con cui Euronews ha parlato, si tratta di una lotta che contrappone i paesi dell'est a quelli dell'ovest, i piccoli ai grandi e i membri fondatori ai nuovi arrivati nel blocco.

Dopo una serie di scandali bancari, Bruxelles vuole inasprire il suo regolamento sul riciclaggio e sul denaro sporco, ma prima deve decidere dove collocare i circa 400 dipendenti che controlleranno il tutto, compresa la sede. Si parla di  10.000 metri quadrati di uffici.

Le candidature si sono chiuse la scorsa settimana e tra i candidati figurano Parigi, Francoforte, Roma, Madrid, Bruxelles, Vienna, Riga, Vilnius e Dublino.

Mentre le istituzioni principali del blocco si trovano a Bruxelles, Lussemburgo e Strasburgo, le sue 40 agenzie specializzate sono sparse nei 27 Stati membri e si occupano di tutto, dall'esplorazione spaziale all'uguaglianza di genere, e l'opportunità di ospitare queste istituzioni è molto ambita da tutti i Paesi del blocco.

La battaglia per ospitare le autorità europee per i medicinali e le banche, costrette a lasciare Londra dopo la Brexit, è stata molto combattuta, tanto che i vincitori sono stati selezionati con un sorteggio.

Ora è in corso un'analoga disputa per l'Autorità antiriciclaggio dell'Ue, non ancora creata, che, secondo i piani in fase di elaborazione da parte dei legislatori, supervisionerà direttamente i controlli sul denaro sporco in circa 40 delle istituzioni finanziarie transfrontaliere più rischiose e terrà d'occhio settori ad alto rischio come i commercianti di metalli preziosi e di opere d'arte.

La praticità tedesca

Il più grande stato membro dell'Ue, la Germania, ha presentato la sua proposta di AMLA, ovvero l'Autorità per la lotta al riciclaggio e al finanziamento del terrorismo, basandosi sulla praticità, affermando che la nuova agenzia dovrebbe avere sede a Francoforte in modo da poter lavorare efficacemente fin dal primo giorno.

Il ministro delle Finanze tedesco, Christian Lindner, ha dichiarato a un pubblico di Bruxelles: "L'AMLA dovrebbe essere in un centro bancario", sostenendo la necessità di una sede che già ospita i supervisori della Banca centrale europea. "Nessuna città è in una posizione unica per promuovere questo tipo di collaborazione".

Ma se la Germania sta facendo valere il suo peso, i suoi rivali sostengono il contrario e dicono che non è giusto che i membri più anziani e più grandi dell'Ue vedano tutti i benefici del blocco. "L'Irlanda è al centro dell'Europa in termini di partecipazione, nonostante sia un'isola alla sua periferia", ha dichiarato a Euronews, Jennifer Carroll MacNeill, ministro delle Finanze irlandese.

Nonostante sia membro dell'Ue da oltre 50 anni, l'Irlanda ospita solo una "piccolissima" istituzione europea, l'agenzia per il mercato del lavoro Eurofound, ha dichiarato la ministra - pur riconoscendo che la sua richiesta di collocare l'AMLA a Dublino l'ha messa in contrasto con Lindner.

Il ministro tedesco "sta facendo un discorso diverso dal mio, un discorso diametralmente opposto", ha detto. Sta dicendo: "Concentriamola ulteriormente nel cuore dell'Europa".

Quale paese ha più opportunità?

Le offerte per ospitare l'agenzia si sono chiuse venerdì scorso e i politici hanno detto che il candidato vincente dovrà attrarre personale di alto livello. Questo potrebbe essere una buona notizia per candidati come Vienna, classificata come la città più vivibile del mondo.

Ma le aspiranti sedi dell'AMLA saranno esaminate anche per i loro precedenti nella lotta alla finanza illecita. Se l'agenzia venisse collocata in un punto nevralgico per il riciclaggio di denaro, sarebbe quantomeno negativo per la reputazione del blocco. Questo ha costretto candidati come la Lituania a mettersi sulla difensiva. 

Un rapporto del 2022 dell'unità antiriciclaggio del Consiglio d'Europa, Moneyval, ha minacciato di lanciare un avvertimento formale alla nazione baltica, dopo aver scoperto che non stava registrando contabili e agenti immobiliari in linea con le norme internazionali. Ma questa non è l'intera storia, ha dichiarato a Euronews, il ministro delle Finanze, Gintarė Skaistė. Secondo il ministro, la città di Vilnius, verde, digitale e ricca di talenti, è la sede ideale dell'AMLA.

PUBBLICITÀ

La Lituania ha già ritoccato le sue regole per le criptovalute e ha in programma un'ulteriore legge antiriciclaggio da presentare in questa sessione parlamentare, ha dichiarato il ministro a Euronews, il che significa che il parere di Moneyval potrebbe presto essere obsoleto.

La ministra cita anche uno studio concorrente del think tank Basel Institute on Governance che colloca la Lituania tra i dieci Paesi a più basso rischio di antiriciclaggio al mondo, insieme a Danimarca e Andorra.

I Paesi vicini sono stati coinvolti in recenti scandali di riciclaggio di denaro. Qualche anno fa, la banca lettone ABLV è stata liquidata dopo che il Tesoro degli Stati Uniti l'ha segnalata come sospetta di riciclaggio di denaro, mentre la Danske Bank si è dichiarata colpevole e ha accettato di confiscare 2 miliardi di dollari per pagamenti illeciti in Estonia.

Skaistė ha preso le distanze da questi vicini, ma ritiene che ci sia un motivo geopolitico per scegliere un Paese baltico di fronte all'aggressione russa.

PUBBLICITÀ

"Un'istituzione forte, soprattutto nel campo dell'antiriciclaggio, sarebbe un segnale forte per i Paesi confinanti con l'Europa", ha dichiarato. "Mostrerebbe un segno di solidarietà e fiducia nella regione: siamo parte dell'Europa".

L'influenza politica

Le decisioni finali su dove potrebbe essere la sede definita dell'AMLA devono essere prese congiuntamente dal Consiglio, che raggruppa gli Stati membri dell'Ue, e dai legislatori del Parlamento europeo. Se i finanziamenti europei si spostassero verso le circoscrizioni dei legislatori più influenti, ciò potrebbe favorire la candidatura di un'altro grande concorrente, come la Spagna. 

Il Paese presiede attualmente il Consiglio di presidenza dell'Ue e vanta anche uno dei due eurodeputati che guidano il lavoro del Parlamento sulla nuova agenzia, Eva-Maria Poptcheva. Tuttavia, i funzionari spagnoli negano qualsiasi pregiudizio nei confronti della propria scelta, Madrid, e affermano di essere solo degli onesti mediatori nei colloqui sulla legge antiriciclaggio.

"Non credo che in questa fase il fatto di essere sotto la presidenza di turno possa dare un vantaggio in più", ha dichiarato a Euronews, Carlos Cuerpo, Segretario generale del Tesoro spagnolo. "Ci sarà una chiara separazione da parte nostra quando guarderemo alla candidatura di Madrid".

PUBBLICITÀ

Cuerpo ha detto che la candidatura di Madrid è la "proposta complessiva più forte", il che implica che può stare in piedi per i suoi meriti - ma ha anche detto che è "arrivato il momento" per la grande capitale di approdare finalmente a un'istituzione dell'Unione europea.

Il processo di riduzione delle opzioni sarà complesso e feroce. E questa è solo una delle numerose controversie in corso legate al clientelismo nel settore finanziario.

I ministri delle Finanze sono anche impegnati in una battaglia totemica sulle regole fiscali e su chi dovrebbe dirigere la Banca Europea per gli Investimenti - una posizione per la quale la spagnola Nadia Calviño è una delle principali candidate.

Il grande accordo

Tuttavia, sia Cuerpo che Lindner negano che ci sarà una sovrapposizione tra questi negoziati già complessi. "Non dovrebbe far parte di alcun tipo di contrattazione, quale Stato membro potrebbe ospitare l'AMLA", ha detto Lindner. "Ci sono argomenti a favore di Francoforte che non sono collegati a nessun'altra decisione che dovremo prendere nelle prossime settimane e mesi".

PUBBLICITÀ

Chiunque si aggiudicherà la sede di AMLA, ci saranno perdenti e vincenti e molti delusi. Alcuni ipotizzano, anche solo scherzosamente, cosa potrebbe accadere. Se AMLA non vuole utilizzare gli edifici destinati a Francoforte, Lindner pensa che sarebbero una nuova sede adatta per il suo ministero.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La corsa alla guida della Banca europea per gli investimenti

L'Unione Europea lancia la sua agenzia antiriciclaggio

Chi è Keir Starmer, il prossimo primo ministro del Regno Unito