EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Il Belgio promette a Zelensky sanzioni ai diamanti russi e F16 dal 2025

Il primo ministro belga Alexander De Croo ha ricevuto a Bruxelles il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy.
Il primo ministro belga Alexander De Croo ha ricevuto a Bruxelles il presidente ucraino Volodymyr Zelenskyy. Diritti d'autore Yves Herman/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Diritti d'autore Yves Herman/Copyright 2023 The AP. All rights reserved
Di Jorge Liboreiro
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I Paesi occidentali sono "molto vicini" alla creazione di un sistema di tracciabilità per sanzionare i diamanti russi, ha dichiarato il primo ministro belga Alexander De Croo durante la visita del presidente Volodymr Zelensky a Bruxelles

PUBBLICITÀ

"Questo significa che i diamanti insanguinati russi non saranno più in grado di finanziare la guerra russa", ha dichiarato De Croo ai giornalisti parlando accanto al presidente ucraino."Siamo molto vicini a un sistema che li escluderà completamente dai mercati al dettaglio".

"Se escludiamo i diamanti russi solo dal mercato all'ingrosso, continueremo ad averli nei nostri negozi. Per la Russia non farà alcuna differenza"
Alexander De Croo
Primo ministro del Belgio

Una questione dibattuta

I diamanti sono stati finora esclusi dagli 11 pacchetti di sanzioni imposte dall'Unione Europea da febbraio 2022, nonostante i ripetuti appelli di Kiev e degli Stati membri orientali.

Le pietre preziose sono un'importante fonte di reddito per la Russia: nel 2021, l'anno prima di lanciare l'invasione dell'Ucraina, il Paese ha esportato diamanti grezzi per un valore di circa 4 miliardi di dollari (3,77 miliardi di euro). La destinazione principale era il Belgio, che ospita ad Anversa un centro commerciale con quasi 500 anni di storia.

Si stima che l'84% dei diamanti grezzi del mondo e il 50% dei diamanti lavorati passino per la città portuale belga, un pilastro del commercio globale nel settore.

"Il Belgio svolge un ruolo importante nel commercio dei diamanti e il nostro obiettivo è quello di escludere completamente i diamanti russi dai nostri mercati al dettaglio", ha dichiarato De Croo. "Il modo migliore per farlo è un sistema di tracciabilità completa che escluda i diamanti russi".

La tecnologia da utilizzare sarebbe in grado di scansionare digitalmente ogni diamante per tracciarne il percorso attraverso i mercati, garantendo che il pezzo sia sempre lo stesso e aumentando la credibilità in un'industria notoriamente segreta.

Il processo è coordinato a livello europeo e tra i Paesi del G7, per ampliare il più possibile la portata geografica del divieto ed evitare così che i diamanti vengano rimessi in commercio in qualche altra parte del mondo.

"Ci è voluto un po' di tempo perché vogliamo evitare che i divieti sui diamanti vengano aggirati", ha spiegato De Croo. "Se li si esclude solo dal mercato all'ingrosso, i diamanti verranno scambiati in altri centri nel mondo e noi continueremo ad averli nei nostri negozi. Per la Russia non farà alcuna differenza".

Secondo il primo ministro belga, il sistema di tracciabilità dovrebbe essere operativo entro il 1° gennaio 2024, una scadenza piuttosto ambiziosa visto che ogni pacchetto di sanzioni comporta ardui negoziati tra gli Stati membri e deve essere approvato all'unanimità nazionali.

Un'altra promessa riguarda gli aerei da combattimento F16 a partire dal 2025, mentre per il momento il Belgio forniràl'addestramento dei piloti e la manutenzione dei velivoli.

Far pagare la Russia

Durante la conferenza stampa congiunta con il presidente Zelensky, il primo ministro belga ha anche annunciato l'intenzione di istituire un fondo di 1,7 miliardi di euro per la ricostruzione dell'Ucraina, finanziato tassando i profitti ottenuti investendo i beni di proprietà russa congelati con le sanzioni dell'Ue.

Secondo quanto riferito, oltre 180 miliardi di euro di beni della Banca centrale russa sono stati congelati presso Euroclear, una società di servizi finanziari con sede a Bruxelles: l'importo più elevato di tutti gli Stati membri.

Tuttavia, il governo belga non è autorizzato ad accedere ai beni o a gestirne le procedure, il che significa che può solo ricorrere alla tassazione per ottenere ulteriori fondi per l'Ucraina. "Siamo sempre stati chiari fin dall'inizio: qualsiasi tassazione sugli asset russi non andrà nel nostro bilancio, ma direttamente agli ucraini", ha detto De Croo.

La Commissione europea ha promesso di presentare un testo legislativo per far pagare alla Russia la gestione dei beni immobilizzati, possibilmente attraverso una tassa di emergenza. Ma la proposta è stata rinviata più volte e non è chiaro quando verrà effettivamente messa sul tavolo.

La Banca Centrale Europea, gli esperti finanziari e gli studiosi di diritto hanno sollevato serie preoccupazioni riguardo a un'iniziativa che non avrebbe precedenti, avvertendo che la decisione potrebbe provocare instabilità finanziaria e danneggiare la credibilità dell'euro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le priorità del Belgio alla presidenza dell'Unione europea

L'Europa vacilla nel suo sostegno all'Ucraina

Spagna, Sánchez chiamato a testimoniare nell'inchiesta contro la moglie Begoña Gómez