EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

I figli dei prigionieri politici tunisini chiedono un'indagine alla Corte penale internazionale

Il leader del partito Ennahdha Rached Ghannouchi si presenta a una stazione di polizia di Tunisi, martedì 21 febbraio 2023.
Il leader del partito Ennahdha Rached Ghannouchi si presenta a una stazione di polizia di Tunisi, martedì 21 febbraio 2023. Diritti d'autore Copyright 2023 The Associated Press. All rights reserved
Diritti d'autore Copyright 2023 The Associated Press. All rights reserved
Di Mared Gwyn Jones
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

I figli di quattro esponenti dell'opposizione incarcerati in Tunisia hanno chiesto alla Corte penale internazionale di avviare un'indagine sulla persecuzione politica e sulle violazioni dei diritti umani che sarebbero state commesse dal governo del presidente Kaïs Saïed

PUBBLICITÀ

In una comunicazione al tribunale dell'Aia, i familiari delle persone incarcerate accusano il presidente e i membri del suo governo di aver violato i diritti umani in campagne mirate contro i l_eader_ e i partiti dell'opposizione, i tunisini neri e gli immigrati, i giudici, i sindacati, i giornalisti e la società civile.

"I crimini che devono essere indagati sono due", ha dichiarato giovedì l'avvocato delle famiglie dopo aver presentato formalmente la denuncia, "quelli contro le persone individuate come oppositori dell'attuale governo e quelli contro i migranti e i tunisini neri oggetto di un'ondata di brutale repressione".

Almeno 41 tra i più importanti dissidenti sono stati arrestati in Tunisia di recente,  risvegliando i timori di un ritorno all'autocrazia nel Paese nordafricano, un tempo considerato l'unica democrazia emersa dalla Primavera araba.

Sotto il governo di Saïed, la Tunisia è stata criticata per aver commesso abusi nei confronti dei migranti subsahariani, molti dei quali sono stati rimpatriati con la forza in regioni desertiche al confine tra Tunisia e Libia, senza cibo né acqua. Il presidente ha poi attirato critiche per i suoi commenti sui subsahariani come parte di un complotto per "cambiare la composizione demografica della Tunisia".

"La libertà non si regala, ma si conquista con la lotta e la costanza"
Elyes Chaouachi
Figlio del dissidente tunisino Ghazi Chaouachi

Autoritarismo brutale

A intentare la causa sono i figli e le figlie di Ghazi Chaouachi, fondatore del partito Corrente Democratica, di Chaima Issa, membro della coalizione di opposizione Fronte di Salvezza Nazionale, Said Ferjani e Rached Ghannouchi, due leader di spicco di Ennahda, il partito democratico islamico.

"La libertà non si regala, ma si conquista con la lotta e la costanza", ha dichiarato Elyes Chaouachi, figlio di Ghazi Chaouachi. I denuncianti hanno detto che i loro genitori sono stati imprigionati illegalmente e sottoposti a condizioni terribili.

Said Ferjani, 69 anni, è stato precedentemente detenuto e torturato sotto il regime del presidente Zine El Abidine Ben Ali, prima di fuggire a Londra dove ha vissuto in esilio per più di due decenni e tornare in patria dopo la rivoluzione del 2011.

Sua figlia, Kaouther Ferjani, ha dichiarato a Euronews che suo padre condivide una cella di 60 posti con 120 persone, la maggior parte delle quali fumatori.

"Mio padre entra ed esce continuamente dall'ospedale con infezioni al petto. Per la prima volta nella sua vita ha dovuto ricorrere a un inalatore. Non sempre riceve cure mediche e il modo in cui lui e gli altri prigionieri vengono trattati è davvero a discrezione della guardia carceraria".

All'inizio della settimana, tre prigionieri, tra cui il padre di Ferjani, hanno annunciato che avrebbero iniziato uno sciopero della fame per protestare contro l'uso della detenzione arbitraria. "Siamo molto, molto preoccupati per il benessere di mio padre, soprattutto ora che ha iniziato lo sciopero della fame, sapendo che non sta bene, che ora ha problemi cardiaci e malattie".

Rached Ghannouchi, 82 anni, ha co-fondato il partito Ennahda ed è stato speaker del Parlamento fino a quando Saied ha chiuso l'aula nel 2021. Attualmente è in detenzione preventiva per quelle che la figlia, Yusra Ghannouchi, ha definito "accuse politicamente motivate".

A maggio è stato anche condannato a un anno di carcere dal tribunale antiterrorismo tunisino in relazione alle dichiarazioni pubbliche pronunciate durante un funerale, in cui ha elogiato il defunto come un "uomo coraggioso" che non temeva "un governante o un tiranno".

A Euronews, la dottoressa Yusra Ghannouchi ha detto che lo sciopero della fame è "l'ultima risorsa" per i difensori della democrazia. "Non possono ottenere giustizia nell'attuale sistema tunisino, controllato dal presidente".

"Non c'è indipendenza della magistratura in Tunisia. C'è un'immensa pressione sui giudici affinché si sottomettano agli ordini dell'esecutivo e la magistratura viene usata come strumento per eliminare l'opposizione"
Yusra Ghannouchi
Figlia del dissidente tunisino Rached Ghannouchi

La "tacita approvazione" dell'Europa

Entrambe le donne hanno già presentato un caso simile alla Corte africana per i diritti umani e dei popoli di Arusha, in Tanzania, e hanno chiesto all'Unione Europea, al Regno Unito e agli Stati Uniti di sanzionare il governo di Saïed.

"L'Europa è responsabile per non aver condannato il colpo di Stato, per aver dato una tacita approvazione a ciò che sta accadendo. L'Europa è responsabile della situazione in cui ci troviamo ora, in termini di repressione dell'opposizione e di aumento delle violazioni contro i rifugiati", ha dichiarato Yusra Ghannouchi.

PUBBLICITÀ

Elyes Chaouachi ha criticato il recente memorandum d'intesa firmato tra l'UE e il governo di Saïed, che prevede, tra l'altro, 105 milioni di euro di fondi per rafforzare i controlli alle frontiere e impedire la partenza delle navi di migranti

"In passato credevo che i governi europei fossero impegnati sul fronte dei diritti umani. Ma oggi un accordo con un presidente autoritario in Tunisia viene privilegiato rispetto alla difesa dei diritti umani e delle condizioni dei prigionieri".

Un'indagine difficile

La Tunisia è diventata il primo Stato nordafricano membro della Corte penale internazionale nel 2011, la cui giurisdizione è limitata ai crimini di guerra, ai crimini contro l'umanità e al genocidio, come definito nello statuto.

L'avvocato dei promotori della causa ha riconosciuto che sarà "difficile" avviare un'indagine. Le denunce presentate "Chiediamo al procuratore della Corte di visitare la Tunisia almeno per inviare un segnale molto chiaro: questi gravi crimini contro l'umanità, sui quali la Corte ha giurisdizione, non devono essere tollerati".

PUBBLICITÀ
Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

La Tunisia riceverà presto 127 milioni di euro di fondi europei

Il Mediatore europeo chiede che l'accordo Ue-Tunisia rispetti i diritti umani

Accordo Ue-Tunisia, è scontro al Parlamento europeo