EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

La direttiva europea contro le "Slapp", le querele infondate ai giornalisti

La giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, assassinata nel 2017 è diventata un simbolo della libertà di stampa
La giornalista maltese Daphne Caruana Galizia, assassinata nel 2017 è diventata un simbolo della libertà di stampa Diritti d'autore AP Photo/Rene Rossignaud
Diritti d'autore AP Photo/Rene Rossignaud
Di Maria Psara
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il Parlamento comunitario vuole un provvedimento che riduca le azioni legali temerarie, con costi legali coperti dai proponenti e risarcimenti per le vittime

PUBBLICITÀ

Si chiamano "Slapp", acronimo di Strategic lawsuit against public participation e sono azioni legali strategiche, utilizzate di solito per scoraggiare giornalisti e attivisti per i diritti umani.

Querele spesso prive di legittimità, infondate o basate su rivendicazioni esagerate, che mirano a intimidire e screditare professionalmente chi le subisce, con un chiaro intento dissuasivo.

Una direttiva per contrastare il fenomeno è al momento in discussione nell'Ue: il Consiglio ha adottato la sua posizione e lo farà presto anche il Parlamento comunitario.

La commissione giuridica (Juri) dell'Eurocamera vuole un provvedimento che riduca le azioni legali temerarie, con costi legali coperti dai proponenti e risarcimenti per le vittime, come spiega in questo video il suo relatore, il socialista tedesco Tiemo Wölken.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Fake news, intelligenza artificiale e altro ancora. Le nuove minacce alla libertà di stampa

La libertà di stampa è in pericolo secondo Reporter senza frontiere

Twitter, ripristinati gli account dei giornalisti sospesi dal social network