EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Accordi commerciali con Africa, America latina e Asia: la ricetta portoghese per l'Ue

Marcelo Rebelo de Sousa è il ventesimo presidente della Repubblica portoghese
Marcelo Rebelo de Sousa è il ventesimo presidente della Repubblica portoghese Diritti d'autore Philippe BUISSIN/ European Union 2023 - Source : EP
Diritti d'autore Philippe BUISSIN/ European Union 2023 - Source : EP
Di Isabel Marques da Silva
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Intervenuto al Parlamento comunitario di Strasburgo, il presidente Marcelo Rebelo de Sousa chiede di mettere da parte gli egoismi nazionali per lasciare il passo agli interessi dell'Unione

PUBBLICITÀ

L'Europa ha bisogno di due vittorie in un anno, secondo il presidente del Portogallo, Marcelo Rebelo de Sousa, intervenuto nella sessione plenaria del Parlamento comunitario a Strasburgo.

La prima in Ucraina, con la fine della guerra, la seconda nelle urne alle elezioni europee, per sconfiggere il populismo.

E i leader europei dovranno saper anticipare le crisi, proponendo soluzioni adeguate, invece che limitarsi a reagire quando avvengono. Una delle soluzioni, ha detto, è firmare nuovi accordi politici e commerciali in tutto il mondo.

"Gli egoismi nazionali devono cedere il passo ai valori dell'Unione europea"
Marcelo Rebelo de Sousa
Presidente della Repubblica portoghese

Accordi in tutto il mondo

"L'Unione Europea non può dimenticare, o lasciare in stallo per futili egoismi, le partnership e gli accordi con continenti fondamentali come l'Africa, l'America Latina e per certi aspetti anche l'Asia", ha detto Rebelo de Sousa agli eurodeputati. 

"Non può rimandare qualcosa che in futuro porterà solo più problemi, in particolare nell'ambito delle migrazioni e nel ruolo dell'Europa nel mondo. Gli egoismi nazionali devono cedere il passo ai valori dell'Unione europea".

La data delle elezioni

Rebelo de Sousa ha anche discusso con la presidente del Parlamento Roberta Metsola la data delle prossime elezioni europee, previste per la primavera del 2024

Il Portogallo è infatti l'unico stato membro a opporsi alla finestra temporale tra il 6 e il 9 giugno, perché il giorno successivo, lunedì 10 giugno, cade la Festa nazionale portoghese e potrebbe essere difficile convincere le persone a recarsi ai seggi. 

Dalla presidente dell'Eurocamera è arrivata un'apertura in merito. "So che questo non è un fine settimana ideale per il Portogallo e so che è un problema in diversi Paesi: ogni fine settimana presenta una difficoltà particolare. Quindi mentre aspettiamo la conferma ufficiale della data possiamo solo incoraggiare quante più persone possibile a votare".

Se non ci sarà un accordo unanime su un'altra data a livello europeo, il Portogallo potrebbe derogare alla sua tradizione di celebrare le tornate elettorali di domenica e concedere il voto anticipato ai suoi cittadini.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Le complicate trattative per gli accordi di libero scambio dell'Ue

In Portogallo, alla festa dei socialisti, il cancelliere Scholz elogia Antonio Costa

Svizzera, tutto pronto per la conferenza sulla pace in Ucraina