This content is not available in your region

La farina è il nuovo "oro bianco"

Access to the comments Commenti
Di Gregoire Lory  & Alberto de Filippis
euronews_icons_loading
La farina è il nuovo "oro bianco"
Diritti d'autore  Euronews

Il pasticcere Arnaud Szalies tiene tra le mani quello che lui chiama oro bianco: la farina. Con la guerra in Ucraina il prezzo di questa materia prima è salito alle stelle sui mercati. I suoi titoli di Campione Europeo di Pasticceria (2016) e Campione Mondiale di Sculture di Ghiaccio (2013) non lo proteggono dalle fluttuazioni dei prezzi.

Arnaud Szalies, pasticcere: "Negli ultimi tre mesi dell'anno abbiamo avuto un aumento del 30% e ora con l'arrivo della guerra non sappiamo quando si fermerà. Ordiniamo farina ma non conosciamo il prezzo a cui ordiniamo. Quindi è difficile definire un prezzo di costo e un prezzo di vendita ovviamente: Lei può immaginare che se compra qualcosa senza conoscere il prezzo non sa a quanto venderlo. E così si perdono clienti perché siamo costretti per aumentare i nostri prezzi nonostante tutto. Dobbiamo seguire il mercato".

Arnaud Szalies ha dovuto anche effettuare dei licenziamenti. Ora ha con sé un unico pasticcere in cucina per gestire la produzione dei suoi due laboratori. Lo chef cerca di mantenere a galla la sua attività.

L'intero settore osserva con preoccupazione la situazione tra Ucraina e Russia. Mosca è il più grande esportatore di grano al mondo e Kiev il 4° esportatore. E il Belgio dipende molto da questo prodotto.

Albert Denoncin, co-presidente della Confederazione belga dei prodotti da forno e pasticceri: "Dipendiamo principalmente dall'Ucraina. Non dobbiamo dimenticare che l'Ucraina è il granaio d'Europa. E con quello che sta succedendo in questo momento non esce nulla. Dall'Ucraina. Il che significa che se domani il prezzo della farina quadruplicasse, questo non ci sorprenderebbe, date le circostanze attuali".

Il settore ha visto esplodere anche la bolletta energetica negli ultimi mesi e a causa della guerra in Ucraina si annunciano ulteriori aumenti.

Arnaud Szalies, pasticcere: "L'anno scorso abbiamo pagato 3.000 euro di elettricità al mese e abbiamo appena ricevuto un conguaglio di 9.000 euro. Quindi vi lascio immaginare. Il peggio deve ancora venire. L'anno prossimo quanto pagheremo non ho idea".

Nonostante l'aumento delle materie prime e dell'energia, non dovrebbe essere prevista un'interruzione dell'approvvigionamento per i panifici.