EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

I finalisti del premio Sakharov 2021

I finalisti del premio Sakharov 2021
Diritti d'autore Valentin Egorshin/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Valentin Egorshin/Copyright 2021 The Associated Press. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Si conoscono i tre finalisti del premio dell'europarlamento per i diritti umani. Sono il russo Navalny, le donne afghane e la ex presidentessa ad interim della Bolivia, Jeanine Áñez

PUBBLICITÀ

Si conoscono i finalisti del premio annuale per i diritti umani del Parlamento europeo

In lizza per il Premio Sacharov 2021, tre dei più importanti difensori della libertà nel mondo.

Uno dei candidati è l'attivista anticorruzione russo Alexei Navalny.

Essendo uno dei più accaniti critici interni del presidente Vladimir Putin, attualmente sta scontando una condanna a due anni e mezzo di carcere per violazioni della libertà vigilata che lui definisce false.

Poi ci sono le donne afgane, nominate per la loro lotta per l'uguaglianza, dopo il ritorno al potere dei talebani.

Fra di loro il sindaco più giovane del paese, Zarifa Ghafari - È solo una delle tante donne afghane che soffrono una dura restrizione di diritti umani e libertà.

L'ultimo candidato è l'ex presidentessa ad interim della Bolivia, Jeanine Áñez, vista come un simbolo della repressione contro i dissidenti politici in America Latina.

La politica boliviana è stato arrestata quando è stata accusata di aver pianificato un colpo di Stato dopo che le sono state mosse accuse di brogli elettorali.

L'annuale Premio Sacharov è intitolato al fisico sovietico e dissidente politico Andrei Sakharov.

Il vincitore riceverà 50.000 euro.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

G7: si chiude oggi, Meloni annuncia prestiti da 150 milioni di dollari in Africa

Turchia: allerta per l'ondata di calore, rischio siccità

G7: manifestanti si incatenano davanti al centro media