EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

In Belgio è boom di istruzione domiciliare

In Belgio è boom di istruzione domiciliare
Diritti d'autore Euronews Brussels
Diritti d'autore Euronews Brussels
Di Méabh Mc Mahon
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

A causa della pandemia molti genitori hanno iniziato a fare lezione ai loro figli, dando il via a un trend che potrebbe continuare anche dopo la crisi

PUBBLICITÀ

Per molti genitori il 2020 è stato il primo anno in cui hanno avuto a che fare con l'istruzione domiciliare a causa del confinamento.

Per alcuni genitori, divisi tra telelavoro e gestione dei figli, la chiusura delle scuole ha rappresentato un vero test per l'organizzazione famigliare. Per altri, come Mialy Clark, è stata un'esperienza che è ha fornito un modo diverso di guardare all'educazione dei figli.

Come tutti, anche lei si è ritrovata a lavorare da casa per la sua impresa a Bruxelles ma ha anche iniziato a fare lezione ai figli. Dalle passeggiate bei boschi, alle sessioni di canto con la chitarra, ha usato ogni strumento educativo.

"La pandemia ci ha permesso come famiglia di trascorrere più tempo e avere una vita più rilassata - afferma-. Qualche tempo fa ho ascoltato un podcast della scuola di Harvard sulle società di cacciatori e raccoglitori. Lavoravano dalle 15 alle 17 ore a settimana. Noi invece lavoriamo 40, 50, 60 ore a settimana. Non passiamo molto tempo con i nostri figli e nelle nostre famiglie".

Uno studio dell'UNESCO ha dimostrato che l'istruzione domiciliare può essere stressante e impegnativa, soprattutto per le famiglie che non hanno accesso a computer o stampanti o che hanno bambini con bisogni speciali.

Ma qui in Belgio molte mamme della classe medio-alta stanno seguendo le orme di Mialy. Secondo il ministero fiammingo dell'istruzione, quest'anno si è registrato un aumento del 33% dell'istruzione domiciliare nelle Fiandre. Il ministro Ben Weyts afferma che “l'istruzione domiciliare è un diritto garantito dalla costituzione, ma crediamo fermamente che sia importante che i bambini vadano a scuola. La migliore istruzione si può trovare in una classe, con un insegnante professionale ed entusiasta ".

Per la blogger di viaggi Elizabeth Newcamp, impegnata a tempo pieno nell'istruzione dei suoi figli, andare a scuola è fantastico, ma l'istruzione domestica è un modello più flessibile per la sua famiglia.

"La maggior parte delle persone che studiano a casa pensano che ci siano altri modi di apprendere. Sicuramente penso che offra tanta flessibilità e valore ai nostri figli. È meraviglioso poter lasciare un bambino leggere un libro tutto il pomeriggio perchè l'infanzia è breve e in futuro saranno costretti a utilizzare il loro tempo in modo produttivo nel mondo del lavoro. È piuttosto sano dare loro l'opportunità di seguire i loro capricci creativi, qualunque cosa abbiano voglia di fare".

Il vero test del successo dell'insegnamento a casa arriverà quanto il confinamento sarà un ricordo del passato e le famiglie potranno decidere liberamente quale sistema si adatta meglio alle loro esigenze.

Journalist • Elena Cavallone

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Commissione Ue: per la rielezione von der Leyen punta su difesa, alloggi e bilancio

Francia, appartamento in fiamme a Nizza: sette morti, si indaga per dolo

Ue, von der Leyen alla prova dell'Europarlamento: "Proteggere la democrazia da ingerenze"