EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

La comunità internazionale dona più di 500 milioni di euro ai rifugiati venezuelani

La comunità internazionale dona più di 500 milioni di euro ai rifugiati venezuelani
Diritti d'autore Ariana Cubillos/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Diritti d'autore Ariana Cubillos/Copyright 2020 The Associated Press. All rights reserved.
Di Ana LAZARO
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Organizzata da Spagna e UE, la conferenza dei donatori per il popolo venezuelano ha raccolto circa 2.5 miliardi di euro tra donazioni e linee di credito

PUBBLICITÀ

595 milioni di euro, questa è la cifra raccolta durante la prima conferenza dei donatori per sostenere i venezuelani che hanno lasciato la loro terra e hanno trovato rifugio nei paesi vicini.

Circa sessanta paesi hanno dato il loro contributo. I soldi andranno alle comunità venezuelane che si trovano in paesi come Colombia, Perù, Ecuador e Brasile, dove la pandemia ha complicato una situazione già difficile.

Filippo Grandi, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i rifugiati sottolinea che "nei paesi in quarantena le persone che dipendono dai salari giornalieri o dall'economia sommersa hanno visto perdere il loro lavoro e l'80% dei venezuelani ne è colpito. E molto spesso anche le comunità che li ospitano sono povere e provate dalla pandemia".

Più di cinque milioni di venezuelani hanno lasciato il loro paese dal 2015 e la stragrande maggioranza di loro è rimasta nella regione. I servizi sociali dei paesi ospitanti sono al limite. Nella sola Colombia ci sono 1.750.000 venezuelani.

Felipe Garcia Echeverri, a Ambasciatore della Colombia presso l'Unione Europea afferma che il settore sanitario è tra quelli maggiormente sotto pressione e dopo l’afflusso dei venezuelani il Paese ha raggiunto un deficit di 257 milioni di dollari, senza contare le spese per l'istruzione.

Salute, istruzione e cibo. Questi sono i settori più colpiti. Con la crisi sanitaria in corso i serivizi di base sono messi a dura prova in paesi con economie fragili.

Journalist • Elena Cavallone

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria: collisione tra barche nel Danubio, due morti e cinque dispersi

Meteorite illumina i cieli di Spagna e Portogallo: cosa sappiamo

Slovacchia: Robert Fico non è più in pericolo di vita