The Brief From Brussels: Bruxelles tenta di mediare nella crisis in Iran

The Brief From Brussels: Bruxelles tenta di mediare nella crisis in Iran
Diritti d'autore Euronews
Di Elena Cavallone
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I vertici europei invitano a riprendere il dialogo ma da Bruxelles nessuna condanna dei raid Iraniani sulle basi americane in Iraq

PUBBLICITÀ

I vertici europei esprimono preoccupazione e lanciano un ripetuto appello ad abbassare i toni, ma da Bruxelles non arriva nessuna condanna esplicita dei raid iraniani sulle basi statunitensi in Iraq.

"L'uso delle armi deve fermarsi adesso per dare spazio al dialogo. Siamo chiamati a fare tutto il possibile per riprendere i colloqui. Non sono mai abbastanza", ha affermato la presidente della Commissione europea, Ursula Von der Leyen.

Il primo incontro settimanale del 2020 dei commissari dell'UE si è incentrato sugli sviluppi in Medio Oriente.

Il capo della diplomazia europea, Josep Borrell, continua ad aggrapparsi alla speranza di poter mantenere l'Iran nei termini dell'accordo nucleare siglato nel 2015.

"Abbiamo parlato con i colleghi della situazione, come ha affermato la Presidente. L'accordo sul nucleare oggi è più importante che mai perché è l'unico modo in cui possiamo lavorare insieme ai russi e ai cinesi per parlare in via multilaterale per gestire i rischi".

Secondo gli analisti, l'UE potrebbe trovarsi nella giusta posizione per allontanare l'ipotesi di uno scontro, attraverso missioni di mantenimento della pace in Iraq e giocando il ruolo di mediatore insieme alle Nazioni Unite per ristabilire la fiducia tra gli Stati Uniti e l'Iran.

Anche l'allenza militare della NATO con sede a Bruxelles chiede di tenere sotto controllo le tensioni, e afferma di seguire da vicino gli sviluppi in Iran.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

The Brief From Brussels: scandalo su fondi UE in Africa

State of the Union: Decisioni su clima, trasparenza e migrazione

Indagini in Belgio sulla rete di influenza russa sospettata di aver pagato gli eurodeputati