EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Una corsa contro il tempo per Von der Leyen

Una corsa contro il tempo per Von der Leyen
Diritti d'autore 
Di Elena Cavallone
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

La presidente eletta della Commissione europea potrebbe non riuscire a iniziare il suo mandato il primo novembre

PUBBLICITÀ

Per Ursula Von Der Leyen potrebbe essere più difficile del previsto iniziare il suo mandato come presidente della Commissione Eurpean entro il 1 °novembre . Dopo la bocciaura di tre commissari designati da parte del Parlamento europeo, il rischio di ritardi n ella nomina del nuovo esecutivo europeo è più realistico che mai. Prima il cartellino rosso per il candidato ungherese e quella rumena, poi la bocciatura della candidata francese, Sylvie Goulard. 

Se Budapest ha indicato un nuovo candidato, la caduta del governo rumeno lo scorso giovedì complica invece le cose per Bucarest. Sottoporre i nuovi nomi a tutto l'intero processo di verifica potrebbe richiedere settimane, spiega Alberto Alemanno, professore di diritto dell'Unione europea.

"Non possiamo più dare per scontato che Ursula Von der Leyen riuscira a diventare la prossima presidente della Commissione europea nei tempi prestabiliti. Il suo team ha bisogno dell'approvazione di una maggioranza solida del Parlamento. Ad oggi, Ursula Von del Leyen non ha una squadra e non ha una maggioranza che appoggi la sua agenda politica".

La decisione dell'eurocamera di respingere i candidati da molti viene considerata come una dimostrazione di forza. Gli eurodeputati sono andati su tutte le furie quando i leader europei hanno imposto Van der Leyen come presidente della Commissione, scartando il leader del partito europeo che aveva ottenuto più voti alle elezioni di maggio.

"Le audizioni parlamentari ci hanno dato un assaggio di quello che potrebbe accadere nei prossimi cinque anni. Il Parlamento europeo deve essere ascoltato. I capi di stato o governo devono rendersi conto che non possono più imporre nomi o la loro agenda politica senza l'appoggio della maggioranza del Parlamento europeo.

Ora spetta a Ursula Van der Leyen convincere i paesi che mancano all'appello a proporre candidati in grado di superare le audizioni. Il tempo stringe per il suo collegio che dovrà ricevere il via libera degli eurodeputati

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

The Brief From Brussels: Il Trattato di Lisbona compie dieci anni

Zelensky si ferma in Irlanda per incontrare il premier Harris

Guerra in Ucraina: attacchi con droni da entrambe le parti, due morti a Kherson