EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

100 giorni alle europee: questa volta sarà diverso...forse

100 giorni alle europee: questa volta sarà diverso...forse
Diritti d'autore 
Di Elena Cavallone
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Tra meno di tre mesi gli europei andranno di nuovo alle urne. Le certezze di una volta sono svanite davanti a una crescente frammentazione politica. Questa volta nulla può essere dato per scontato.

PUBBLICITÀ

Preparatevi ad affrontare 100 giorni cruciali per l'Europa.

Milioni di persone andranno alle urne tra circa tre mesi e questa volta sarà diverso, forse.

Se immigrazione, Brexit e sicurezza informatica hanno radicalmente cambiato il dibattito pubblico su quello che l'Europa può e dovrebbe fare, dall'altra hanno aperto la strada ai populismi che si diffondono in tutto il continente. L'antica architettura politica è ormai un vago ricordo, spiega Doru Frantescu, direttore di Vote Watch Europe.

"Ci sarà un' ampia frammentazione del parlamento: i due gruppi più grandi si ridurranno e i gruppi più piccoli diventeranno più grandi, il che significa a che sarà molto più difficile fare coalizioni per raggiungere la maggioranza".

L'eurocamera sarà diversa dal solito e c'è il rischio che le minoranze euroscettiche paralizzino l'emiciclo. Ciò potrebbe potenzialmente dare energia al dibattito politico sull'Europa.

"Mi aspetto un'affluenza maggiore questa volta perché l'Europa è stata un argomento ricorrente negli stati membri, sia tra gli euroscettici che tra gli europeisti. Sono state affrontate molte crisi dall'UE e il pubblico lo sa. Forse a qualcuno è piaciuto, ad alcuni non è piaciuto, ma lo hanno notato e ciascuno si è fatto un'opinione".

Il panorama politico europeo è profondamente cambiato rispetto alla passata legislatura: i demolitori sfidano i custodi della tradizione e della stabilità. Ma hanno giocato tutti secondo le regole? Ci sono state pesanti campagne di disinformazione, afferma il portavoce del Parlamento europeo.

"Penso che i cittadini europei siano stati travolti da informazioni di scarsa qualità tramite piattaforme digitali ecc. E che, sempre di più, dobbiamo tornare alle fonti di informazioni affidabili che sono i media tradizionali".

Eppure, proprio dal cyberspazio proviene una nuova potenziale arma di disinformazione, che permette ingerenze esterne nelle elezioni.

Questa volta potrebbe essere diverso, oppure no.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Elezioni UE, Salvini apre al voto degli italiani in UK: il nodo è la convenienza politica

Spagna e Turchia: accordi commerciali da 25 miliardi di euro e focus su Palestina

Caldo estremo in Grecia e Romania, piogge e allagamenti in Bulgaria e Spagna