Lubiana campionessa di riciclo: solo il 2% dei rifiuti in discarica

In collaborazione con The European Commission
Lubiana campionessa di riciclo: solo il 2% dei rifiuti in discarica
Di Euronews
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il centro di Rcero, finanziato dai fondi di coesione UE, è uno dei più moderni ed efficienti d'Europa.

Il centro di trattamento dei rifiuti di Lubiana è il più moderno e uno dei più grandi in Europa. I rifiuti di 58 municipalità finiscono qui.

Al Rcero ogni anno vengono trattate 170.000 tonnellate di rifiuti, biodegradabili e no (150.000 tn/anno di rifiuti misti + 20.000 tn/anno di rifiuti raccolti separati).

Il progetto è sostenuto dalla politica di coesione dell'UE, costa 155 milioni di euro compresi 77,5 milioni di euro finanziati dai fondi di coesione dell'UE.

Edita Sabic lavora qui quattro volte al mese come guida a persone che vengono da tutto il mondo. In soli due anni il centro rifiuti ha cambiato il modo in cui gli sloveni riciclano la loro spazzatura: "All'inizio le persone dicevano: 'perché dovremmo separare i rifiuti? Non è il nostro lavoro, non siamo pagati per questo, già paghiamo i servizi'. Ma poi, in un anno o due, le persone hanno cambiato atteggiamento ed ora è come una seconda natura e quando vanno fuori e vedono che le persone non separano i rifiuti, lo trovano molto strano."

Il centro di trattamento offre compost gratuito per la manutenzione degli spazi verdi della città. Al Tivoli Park vengono usati ogni anno da 80 a 100 metri cubi di compost.

Tanja Karner, caposquadra: “Ho la sensazione che il ciclo sia completato e anche se produciamo rifiuti troviamo il modo di riutilizzarli, come qui con il compost, e riduciamo i costi per mantenere gli impianti."

800.000 persone, quasi la metà della popolazione del Paese, beneficiano di questo centro, un modello per l'Europa.

Smart Regions | Recycling
Condividi questo articolo

Notizie correlate

Lubiana vicina a 'rifiuti 0', "Un percorso lungo, fatto di ricerca"