EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Siria: le Ong criticano il ruolo dell'Europa alla vigilia della Conferenza internazionale

Siria: le Ong criticano il ruolo dell'Europa alla vigilia della Conferenza internazionale
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Per gli attivisti i soldi non bastano: è necessario che l'Ue si faccia carico dei profughi, o rischia di perdere credibilità con un effetto domino.

PUBBLICITÀ

A sette anni dall'inizio del conflitto siriano, il 24 e 25 aprile si tiene a Bruxelles la seconda Conferenza per sostenere il futuro della Siria, organizzata da Unione europea e Nazioni Unite. A margine dell'evento la mostra "Tourab" esprime la voce di 50 artisti sul tema. La curatrice Alma Salem spiega: "È per dire che se finisce la guerra, la Siria non avrà più bisogno di aiuto. Se gli interessi basati sui combustibili fossili non occupassero tutto lo spazio e la Siria fosse lasciata nel suo ambiente naturale, che è molto fertile, la Siria sarebbe in grado di nutrire il suo popolo".

Oltre 85 paesi e organizzazioni cercheranno di raccogliere fondi per venire in aiuto ai 13 milioni di sfollati che vivono nel paese e ai 5 milioni di profughi.

L'anno scorso i donatori internazionali hanno promesso oltre 9 miliardi di euro da usare fino al 2020.

Il maggiore donatore è l'Unione europea con oltre 10 miliardi e mezzo di euro donati dal 2011.

Ma solo un milione di profughi accolti. L'accordo siglato con la Turchia nel 2016 per fermare i flussi è stato criticato da molte oennegi, come Ecre, la cui segretaria generale Catherine Woollard, spiega: "L'Europa deve rimanere un luogo che offre protezione, e il diritto d'asilo deve essere mantenuto in Europa. Altrimenti perderà credibilità e c'è il rischio che altri paesi seguano l'esempio di quelli europei cercando di prevenire l'accesso all'asilo".

Anche il programma di ricollocazione è fallito: solo poche migliaia dei profughi arrivati in Grecia e in Italia sono stati trasferiti in altri paesi europei.

Omar, originario di Homs, ha creato a Bruxelles un'associazione per l'integrazione dei rifugiati. "Li aiutiamo a trovare un alloggio, case o appartamenti - dice -. E li aiutiamo anche, per esempio, a scrivere un curriculum professionale, che li aiuti a trovare un buon lavoro, diciamo pure il lavoro dei loro sogni!"

La conferenza cercherà anche di spingere per un rilancio dei negoziati di pace di Ginevra.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Siria: L'Ue chiede più solidarietà ai donatori internazionali

Ungheria, per la presidenza del Consiglio Ue Orban punta su Trump e sul cubo di Rubik

Francia, dalle Europee alle Politiche: gli elettori all'estero divisi dal voto ma uniti da Euro2024