EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

In marcia su Bruxelles i separatisti catalani chiedono l'appoggio dell'UE

In marcia su Bruxelles i separatisti catalani chiedono l'appoggio dell'UE
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
PUBBLICITÀ

Il popolo indipendentista catalano è piombato a Bruxelles giovedì per denunciare quella che ritengono una repressione della democrazia da parte del governo di Madrid. Vestiti di giallo, colore simbolo dell’indipendenza ma bandito in Catalogna per via della campagna elettorale, i separatisti denunciano il silenzio dell’UE.

“Vogliamo un’Europa che non permetta a uno Stato di esercitare la violenza sui cittadini, di avere dei prigionieri politici, che non consenta ai candidati di essere detenuti in carcere durante la campagna elettorale”, afferma Marta Rovira, esponente del partito indipendentista ECR. Per sostenere l’ex presidente catalano Puigdemont, in auto esilio a Bruxelles, i separatisti non hanno esitato ad approfittare del giorno libero in occasione della costituzione spagnola per fare più di 1000 chilometri. Alcuni hanno chiesto ospitalità ad alcune famiglie fiamminghe che sostengono la causa catalana.
“L’Europa ha reagito con un’indifferenza offensiva. L’Europa ignora i diritti di una parte degli europei “, afferma un altro manifestante.

Le speranze degli indipendentisti catalani sembrano aver lasciato ormai spazio all’indignazione verso i dirigenti europei che mantengono fermo il loro appoggio al premier spagnolo Rajoy. Come spiega la nostra corrispondente da Bruxelles, “La nuova dimostrazione di forza del movimento indipendentista catalano, questa volta è avvenuta nel cuore dell’Europa e con un messaggio sempre più anti-europeo”.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Oltre 300 migranti arrivati a Gran Canaria in meno di 24 ore

Incendi in Macedonia del Nord: fiamme attive da 10 giorni, aiuti anche dai Paesi vicini

Guerra in Ucraina: tre morti in un attacco russo a Mykolaiv, Trump sente Zelensky