EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

I risultati contraddittori di Austria e Italia e i loro significati in chiave europea

I risultati contraddittori di Austria e Italia e i loro significati in chiave europea
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Il nostro corrispondente Gregoire Lory, in compagnia di un esperto, commenta in chiave europea gli esiti contraddittori dei risultati delle elezioni in Austria e del referendum in Italia

PUBBLICITÀ

Gregoire Lory, euronews:
Le urne hanno inviato un messaggio contraddittorio questo fine settimana: gli austriaci hanno eletto un presidente ambientalista e pro-europeo, mentre gli italiani hanno rifiutato la riforma costituzionale proposta dal Primo ministro italiano, il quale ha deciso di dimettersi.
E qui con noi per peparlarne André Sapir, ricercatore presso l’istituto Bruegel.
Con questi due scrutini e la vittoria del candidato ecologista in Austria si è evitato lo scenario peggiore?

André Sapir, Istituto Bruegel:
Assolutamente. Alcuni, tra cui il sottoscritto, temevano effettivamente che ci sarebbero stati due voti negativi: il voto in Austria ed il voto in Italia. Quindi l’esito del voto austriaco è stato un grande sollievo. In Italia, alla fine, il risultato ottenuto era piu prevedibile ma è stato comunque uno shock, anche se uno shock minore. E ne è una conferma il comportamento dei mercati finanziari, che non hanno reagito molto negativamente. Cio’ vuol dire che avevano anticipato abbastanza bene questo risultato.

Gregoire Lory, euronews:
Alla luce di questi risultati possiamo dire che la zona euro è entrata in una fase di incertezza?

André Sapir:
Direi di no per quanto riguarda l’Austria. Credo che sia il contrario, e quello che è successo in Austria conferma le discussioni delle ultime settimane riguardo alla Brexit. In un certo numero di paesi, come Paesi Bassi per esempio, o della Danimarca, dove c‘è molto euro-scetticismo, l’opinione pubblica è cambiata in qualche modo e non è pronta, anche se è scettica, ad andare fino a dove si è spinta l’opinione pubblica nel Regno Unito. L’Unione europea rimane un punto fermo per la popolazione, anche se a volte genera insoddisfazioni. Per quanto mi riguarda, devo dire che la novità importante – e spero che sia una una lezione per le future campagne – è quella di dire che l’Europa può essere al centro di una campagna e che può essere un fattore per la vittoria un’elezione. Il problema italiano non è legato ad Brexit, non è associato con questo tipo di sensazioni, ma è legato ad un malessere che esiste in Italia da anni. Un problema legato alla bassa crescita e di problemi non risolti all’interno di questo contesto di crescita debole.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Polonia, il Parlamento dice no alla depenalizzazione dell'aborto

Finlandia, sì del Parlamento alla legge che permette di respinge i migranti al confine con la Russia

In calo per la prima volta in 45 anni la percentuale di donne al Parlamento europeo