EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Waterloo, lo storico Maes a Euronews:"Il potere di Napoleone sarebbe finito anche se avesse vinto"

Waterloo, lo storico Maes a Euronews:"Il potere di Napoleone sarebbe finito anche se avesse vinto"
Diritti d'autore 
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Waterloo è una battaglia determinante per Napoleone, che vuole riconquistare il proprio impero dopo una serie di sconfitte che lo hanno costretto ad

PUBBLICITÀ

Waterloo è una battaglia determinante per Napoleone, che vuole riconquistare il proprio impero dopo una serie di sconfitte che lo hanno costretto ad abdicare. Per ripercorrere i fatti di quell’anno abbiamo intervistato Patrick Maes, storico e presidente dell’Associazione napoleonica belga.

Euronews
Perché per la coalizione avversaria, composta da Regno Unito, Prussia, Austria, Russia e Paesi bassi è cruciale fermare Napoleone a Waterloo?

Patrick Maes
Per gli alleati, lo scopo è proteggere Bruxelles, impedire a Napoleone di arrivarci. Invece per Napoleone in quel momento, nel giugno del 1815, raggiungere Bruxelles è la priorità assoluta. Ecco perché
britannici e prussiani fanno in modo di bloccare Napoleone sull’asse verso Bruxelles.

Euronews
Quali sono le conseguenze geopolitiche di Waterloo?

Patrick Maes
In Francia le conseguenze sono le reazioni degli ultra-realisti, il massacro dei bonapartisti e la partenza di grandi personaggi dell’impero napoleonico, che si trasferiscono addirittura negli Stati Uniti pur di mettersi al riparo. E poi sicuramente il maggior impatto è l’inizio di una serie di movimenti nazionalisti che negli anni successivi si svilupperanno in tutta Europa.

Euronews
Quello che caratterizza questa battaglia è l’estrema violenza, il bilancio è di 50mila tra morti e feriti. Ma anche il fatto che sul campo si scontrano tre personaggi davvero fuori dall’ordinario, ce ne può parlare?

Patrick Maes
Il primo è Napoleone, che non ha bisogno di presentazioni perché tutti lo conoscono. Davanti a lui, il suo primo avversario è il prussiano Blücher, chiamato “Maresciallo avanti” perché è contrario a temporeggiare in battaglia. E’ un combattente di 73 anni, piuttosto irascibile, che detesta tutto quello che è francese dopo una certa battaglia di Jena, nel 1806.

Euronews
E poi c‘è Wellington.

Patrick Maes
Wellington è più prudente, osserva gli sviluppi. Aspetta di avere le sue truppe ben riunite in una buona posizione difensiva e da lì non si muove. È un bulldog, uno che non arretra. Non ama manovrare le truppe, ma è un campione per la capacità di non concedere terreno.

Euronews
Napoleone aspetta rinforzi che non arrivano se non dopo la battaglia. Ecco perché il maresciallo Grouchy è considerato il responsabile della sconfitta, nelle memorie lasciate da Napoleone. Ma è solo per questo che la battaglia è stata persa?

Patrick Maes
No, era matematicamente impossibile che Grouchy arrivasse in tempo sul campo di battaglia. Napoleone aveva inviato un messaggio di sollecito che non è mai arrivato, ma i prussiani avevano più di 12 ore di anticipo su Grouchy, tra le 12 e le 15 ore, quindi era impossibile.

Audrey Tilve
Quali sono le altre ragioni della sconfitta?

Patrick Maes
Sono semplici. Innanzitutto Napoleone è troppo sicuro di sé. Conosce Blücher per averlo battuto a più riprese, con qualche eccezione tra il 1813 e il 1814. Ma non conosce Wellington. I suoi luogotenenti lo hanno affrontato in Spagna, ma lui non lo conosce, non ha mai combattuto contro di lui direttamente. Ecco cosa lo ha fatto perdere alla fine: si è sopravvalutato e ha sottovalutato gli avversari.

Audrey Tilve
Facciamo finta per un momento che Napoleone abbia vinto questa battaglia; avrebbe avuto anche una minima possibilità di vincere la guerra contro gli Alleati?

Patrick Maes
No, assolutamente, nessuna possibilità. Il 13 marzo 1815 a Vienna Napoleone viene dichiarato nemico dell’Europa, si decide di isolarlo dalla società. È una dichiarazione di guerra a Napoleone, non alla Francia. Le armate del re prussiano, dell’imperatore russo e di quello austriaco, avrebbero marciato insieme sulla Francia intorno a metà luglio. Più di un milione di uomini si preparava a invadere la Francia. Gli Alleati sarebbero andati avanti, fino a mettere Napoleone in ginocchio.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Waterloo, che la battaglia abbia inizio! Al via le commemorazioni del bicentenario

La battaglia di Waterloo in miniatura, 40 metri quadrati per 40 anni di lavoro

Battaglia di Waterloo, in diretta dai nostri inviati