EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Sinkevičius: "Serve un'ulteriore stretta sulla plastica monouso"

In collaborazione con The European Commission
Sinkevičius: "Serve un'ulteriore stretta sulla plastica monouso"
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Denis Loctier
Pubblicato il
Condividi questo articolo
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

In occasione della Giornata internazionale di pulizia delle coste il Commissario europeo per l'ambiente ha chiesto uno sforzo ulteriore nell'implementazione delle misure contro l'inquinamento da plastica

Dagli anni '50 sono stati prodotti più di 8,3 miliardi di tonnellate di plastica e gran parte in finita in varie forme nei corsi d'acqua, nel suolo e, infine, nei nostri oceani. L'Europa sta guidando gli sforzi per cambiare le cose. Attraverso la direttiva quadro sulla strategia per l'ambiente marino e il piano d'azione "inquinamento zero", Bruxelles mira a ridurre i rifiuti di plastica in mare di almeno il 50% e le microplastiche ambientali del 30% entro il 2030. 

I dati più recenti mostrano un calo delle concentrazioni di plastica lungo la maggior parte delle coste dell'Ue. Dal 2021 sono stati vietati diversi articoli di plastica monouso comunemente gettati in mare. A Bruxelles Euronews ha incontrato Virginijus Sinkevičius: il Commissario europeo per l'Ambiente, gli Oceani e la Pesca ha partecipato a un evento di pulizia dei canali organizzato dal gruppo di attivisti locali "Canal It Up" in occasione della Giornata internazionale di pulizia delle coste.

"Penso che tutti noi siamo responsabili della città in cui viviamo e del suo aspetto - dice Sinkevičius -. Questo canale è una parte del volto della città. Siamo tutti responsabili del pianeta in cui viviamo. Tutto parte, ovviamente, dal nostro comportamento individuale, ma anche dalle politiche e dalle iniziative imprenditoriali. Penso che siamo tutti coinvolti in questa partita e che possiamo fare un passo avanti. Se c'è davvero la volontà di liberarci degli imballaggi inutili, di fare una raccolta differenziata migliore, di riciclare meglio, di riutilizzare di più, allora possiamo farcela". 

"Servono buone politiche, la volontà delle persone di agire e, naturalmente, l'impegno delle aziende - dice Sinkevičius -.Vediamo dei miglioramenti, eppure gli imballaggi di plastica stanno aumentando. Gli Stati membri hanno fatto un lavoro relativamente buono con il riciclo, ma non è sufficiente. Abbiamo bisogno di una migliore implementazione del divieto di utilizzo della plastica monouso in alcuni Stati membri. Inoltre dobbiamo sbarazzarci anche degli imballaggi monouso, che sono assolutamente inutili. Alla fine è più divertente andare in kayak che raccogliere rifiuti".

Condividi questo articolo