EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

A Pistoia si producono i treni elettrici "tri-brid", i più ecologici d'Europa

Il treno Masaccio 'Blues' nella fabbrica di Pistoia, Italia.
Il treno Masaccio 'Blues' nella fabbrica di Pistoia, Italia. Diritti d'autore Hannah Brown / Euronews Green
Diritti d'autore Hannah Brown / Euronews Green
Di Hannah BrownEdizione italiana: Cristiano Tassinari
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

"Euronews Green" ha dato un'occhiata all'interno della fabbrica di treni Hitachi, a Pistoia, in particolare per la costruzione del "Masaccio". Uno sguardo verso il presente e verso il futuro

PUBBLICITÀ

Questo è sicuro: scegliere il trasporto pubblico al posto dell'auto privata è un grande passo in avanti per ridurre le emissioni e migliorare la qualità dell'aria.

Ma anche se 1.000 persone che prendono il treno invece di guidare 1.000 auto fanno indubbiamente un "favore" all'ambiente, un motore diesel non è mai un bene per il pianeta, indipendentemente da ciò che alimenta.

I recenti investimenti in infrastrutture potrebbero farvi pensare: "Le nostre ferrovie non sono forse già elettrificate? Allora non abbiamo più bisogno di usare treni diesel".

Ma, in realtà, finora è stato aggiornato solo il 60% circa delle linee europee.

"In Italia, ad esempio, questo valore è di circa il 70%, in alcune aree come la Germania e la Francia siamo intorno al 50%", spiega il CEO di Hitachi Rail Italy, Luca D'Aquila.

"Ma c'è un grande lavoro da fare nel Regno Unito, dove il numero di elettrificazioni è di circa il 38%".

Solo in Italia, ciò equivale a circa 4.000 km di binari non elettrificati. Per ammodernare tutte le ferrovie europee potrebbero essere necessari decenni e i costi sarebbero enormi. È improbabile che alcune piccole linee regionali vedano, un giorno, questo tipo di investimento e di rinnovamento.

Per contribuire a ridurre le emissioni utilizzando le limitate infrastrutture europee, Hitachi Rail ha sviluppato il treno tri-brid "Masaccio".
Euronews Green si è recato presso lo stabilimento di Pistoia per saperne di più.

I primi esemplari sono parte di un grosso ordine di Trenitalia, che - con un accordo da 1,23 miliardi di euro - porterà il "Blues" (questo il nome al pubblico) sui binari di Sicilia, Sardegna, Calabria, Toscana, Lazio e Friuli-Venezia-Giulia, facendoli funzionare principalmente con energia elettrica.

Cos'è un treno tri-brid?

Il "Masaccio" di Hitachi è un treno passeggeri appena entrato in servizio in Italia. È il tipo di treno che molte persone usano per spostarsi in città ogni giorno.

Viene considerato un treno "tribrido" perchè può essere alimentato in tre modi: tramite linee elettriche aeree, tramite un motore ibrido diesel o tramite batteria.

La rivoluzionaria batteria può essere caricata quando il treno è in funzione grazie all'elettricità proveniente dalle linee elettriche aeree. Per ricaricarsi, può anche sfruttare l'energia di frenata del treno in sosta.

"Tutta l'energia in frenata viene sprecata nelle resistenze dei freni e si trasforma in calore. È uno spreco", spiega a Euronews Green Marco Sacchi, responsabile della Mainline Design Organization.

"Con questo treno, invece, possiamo trasferirlo nella batteria e riutilizzarlo successivamente per accelerare il treno".

Hannah Brown / Euronews Green
Hitachi "Masaccio" in costruzione.Hannah Brown / Euronews Green

Quanto è efficiente dal punto di vista energetico un treno tri-brid?

La batteria di bordo del "Masaccio" è utile in due diversi scenari. Il primo è quello di alimentare completamente il treno, senza bisogno di diesel, per brevi tratti di linea in cui ci sono dei vuoti nell'elettrificazione.

Il secondo è per l'avvicinamento e la partenza da una stazione. Utilizzando la modalità a batteria, il treno non contribuisce all'inquinamento acustico o atmosferico della città.

Inoltre, grazie all'alimentazione a batteria, il "Masaccio" può accelerare molto di più rispetto ai treni precedenti, il che significa che i tempi di percorrenza sono più rapidi.

Secondo l'Amministratore Delegato Luca D'Aquila, da quando è stato introdotto in Italia si è registrata una riduzione del 50% delle emissioni.

PUBBLICITÀ

Un treno tri-brid è davvero migliore per il pianeta?

Come per le auto elettriche, sappiamo che nulla, in realtà, è una soluzione perfetta. Ma Hitachi sembra aver imparato da alcuni errori del mondo automobilistico.

Le auto elettriche sono solitamente più pesanti, il che significa che i loro pneumatici si usurano più rapidamente e che le infrastrutture stradali sono sottoposte a un maggiore stress.

Il "Masaccio" di Hitachi è costruito con metalli ultraleggeri. Ciò significa che tutte le caratteristiche di resistenza e sicurezza sono ancora presenti ma, con il peso aggiunto delle batterie, non sono più pesanti di un treno normale.

Hitachi ha inoltre collaborato con altri marchi per riutilizzare e ridistribuire i materiali nei suoi prodotti, in particolare minerali critici come il litio.

Hannah Brown / Euronews Green
Prove tecniche di "Masaccio".Hannah Brown / Euronews Green

Quali sono i prossimi sviluppi degli eco-treni Hitachi?

Luca D'Aquila, il numero 1 di Hitachi Rail Italy, ha detto a Euronews Green che l'obiettivo principale è quello di raggiungere la completa neutralità climatica. Per raggiungere questo obiettivo, Hitachi sta già lavorando ad un treno interamente alimentato a batterie, che spera di mettere in servizio entro il 2030.

PUBBLICITÀ

Sia nella produzione del treno tri-brid che in quella del futuro "treno a batterie", Hitachi prevede di riadattare molti dei suoi vecchi modelli per ridurre il consumo di materiali.

"Inoltre, inizieremo a utilizzare i pannelli solari nei nostri treni, per recuperare la maggior parte del nostro fabbisogno", aggiunge Luca D'Aquila.

"Secondo le nostre stime, circa il 70% del nostro fabbisogno energetico può essere soddisfatto con i pannelli solari. Questo vuol dire una riduzione di circa 7.000 tonnellate di CO2 all'anno".

Guardando al futuro del cambiamento climatico, l'azienda testa anche tutti i suoi treni in una camera climatica appositamente costruita. Simulando temperature da -50°C a +40°C, l'azienda spera di garantire che, mentre il mondo cambia, i treni Hitachi continuino a funzionare e i loro passeggeri a stare bene.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Crollo Pistoia, salva una neonata che era al matrimonio nel convento di Giaccherino

Dalla Spagna al Portogallo in treno: in futuro una linea ad velocità Madrid-Lisbona?

Il "Piano Marshall solare" per la ripresa dell'Ucraina