Incendi Canada: il fumo ha raggiunto l'Europa

In Ottawa, Canada’s capital city, the air quality was deemed as “high risk” over the weekend.
In Ottawa, Canada’s capital city, the air quality was deemed as “high risk” over the weekend. Diritti d'autore Marcus Kauffman
Di Rebecca Ann Hughes
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Dopo la Norvegia, ha toccato il Regno Unito. Avrà effetti sulla qualità dell'aria?

PUBBLICITÀ

Il Canada sta vivendo la peggiore stagione degli incendi mai registrata. Sono già bruciati almeno 7,5 milioni di ettari in tutto il Paese.

Dopo aver coperto la costa orientale del Nord America, le nuvole di fumo degli incendi hanno attraversato l'Atlantico per raggiungere l'Europa. Quali saranno le conseguenze?

Il fumo degli incendi canadesi ha raggiunto l'Europa

Lunedì 26 giugno, grazie alle immagini satellitari, il Met Office del Regno Unito ha rilevato il fumo degli incendi canadesi in tutta l'Europa occidentale.

Lo smog ha superato l'Atlantico attraverso la corrente a getto (jet stream in inglese),un fiume d'aria che scorre molto velocemente nell'atmosfera terrestre.

All'inizio di giugno il fumo ha raggiunto la Norvegia e lunedì è arrivato anche nel Regno Unito.

Poiché il fumo entra nell'atmosfera ad alta quota, è in grado di soffermarsi più a lungo e di percorrere lunghe distanze.

Il fumo degli incendi canadesi influirà sulla qualità dell'aria in Europa?

All'inizio del mese, il fumo degli incendi ha avvolto New York, ricoprendo la Grande Mela di una foschia arancione. Ai residenti è stato consigliato di rimanere in casa il più possibile.

"È dannoso per la salute delle persone", ha avvertito la governatrice di New York, Kathy Hochul.

Ma in Europa gli effetti non saranno gli stessi. Il fumo non porterà a un peggioramento significativo della qualità dell'aria per i residenti, poiché rimarrà negli strati superiori dell'atmosfera.

Tuttavia, potrebbe dare vita a scene pittoresche nei nostri cieli.

Il Met Office ha scritto su Twitter: "Sebbene il fumo si trovi in alto nell'atmosfera, potrebbe dare vita nei prossimi giorni a vivaci albe e tramonti".

Gli incendi in Canada sono i peggiori mai registrati

In Canada, le fiamme continuano a divampare in diverse province. Il 26 giugno sono stati registrati 27 nuovi incendi, secondo il National Fire Situation Report.

Mentre la qualità dell'aria in Europa non è stata influenzata, in molte aree del Nord America si registrano condizioni pericolose.

A Ottawa, capitale del Canada, la qualità dell'aria è stata giudicata "ad alto rischio" durante il fine settimana.

Lunedì i residenti hanno avuto una leggera tregua, grazie al tempo burrascoso e ai cambiamenti di vento, ma è probabile che il fumo ritorni nel corso della settimana.

Negli Stati Uniti sono stati emessi avvisi di qualità dell'aria anche in Wisconsin, Michigan e Indiana.

LEGGI ANCHE:

"Stiamo assistendo a un numero sempre maggiore di questi incendi a causa dei cambiamenti climatici", ha twittato il primo ministro canadese Justin Trudeau.

PUBBLICITÀ

"Questi incendi stanno colpendo le routine quotidiane, le vite e i mezzi di sussistenza e la nostra qualità dell'aria. Continueremo a lavorare - qui in patria e con i nostri partner in tutto il mondo - per affrontare il cambiamento climatico e i suoi impatti", ha aggiunto.

Gli scienziati non hanno confermato un legame diretto tra gli incendi di questo mese in Canada e il cambiamento climatico. Ma in generale la crisi climatica sta provocando condizioni più favorevoli agli incendi.

Un rapporto del 2021 del Gruppo intergovernativo di esperti sul cambiamento climatico (Ipcc) ha rilevato che le condizioni climatiche secche, ventose e calde, che aumentano le possibilità di incendi, diventeranno più comuni in alcuni luoghi, tra cui il Canada atlantico e gli Stati Uniti, con l'aggravarsi dei cambiamenti climatici.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Canada va in fumo: 21000 km quadrati bruciati

Cisgiordania: incendio in un terreno agricolo, sale la tensione

Polvere di pneumatici tossici: questa fonte di inquinamento da microplastiche potrebbe risultare la peggiore in assoluto