Ecco le 10 centrali elettriche più inquinanti d'Europa

Nuvole di fumo sopra la grande centrale elettrica di Belchatow, nella Polonia centrale.
Nuvole di fumo sopra la grande centrale elettrica di Belchatow, nella Polonia centrale. Diritti d'autore AP Photo/Czarek Sokolowski
Di Lottie Limb
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

I primi 10 emettitori di carbonio in Europa lo scorso anno sono stati tutti impianti a carbone, secondo una nuova analisi del think tank energetico Ember.

PUBBLICITÀ

Lo scorso anno il carbone ha costituito oltre il 60% dell'inquinamento del settore energetico europeo.

I primi 10 emettitori di carbonio in Europa lo scorso anno sono stati tutti impianti a carbone, secondo una nuova analisi del think tank energetico Ember. Questi siti, che si trovano soprattutto in Polonia e Germania, sono stati responsabili di un quarto di tutte le emissioni del settore energetico nel 2022.

Hanno generato il 13% delle emissioni totali dell'Ue, come registrato nel sistema di scambio di quote di emissione dell'UE (EU-ETS), che fa il punto sull'inquinamento da gas serra. "Le centrali a carbone sono i recidivi della sporca lista dell'UE", afferma l'analista di Ember Harriet Fox. "Più velocemente l'Europa può abbandonare il carbone, meglio sarà per il pianeta".

Dove sono le centrali elettriche più inquinanti d'Europa?

Sette delle centrali a carbone inserite nella lista di quest'anno fanno parte della classifica da ormai un decennio.

Bełchatów (gestito da PGE), in Polonia, è in cima alla lista sin dall'inizio del sistema EU-ETS nel 2005. L'impianto a carbone di Neurath (gestito da RWE), in Germania, è al secondo posto, seguito dall'impianto di Boxberg, anch'esso con sede in Germania ma gestito dalla società con sede nella Repubblica Ceca EPH.

Ember
La Germania e la Polonia sono responsabili dei due terzi delle emissioni di energia da carbone.Ember

Questi tre impianti hanno causato la maggior parte delle emissioni per il sesto anno consecutivo, secondo il rapporto di Ember. Anche la Bulgaria è nella lista, con il suo impianto di lignite Maritsa East 2, gestito da BEH, in decima posizione.

RWE, PGE ed EPH hanno emesso ciascuna quasi la stessa quantità di CO2 equivalente (CO2e) dell'intero settore energetico italiano nel 2022. Insieme, hanno rappresentato il 30% delle emissioni del settore energetico dell'UE, con gli impianti di lignite responsabili della maggior parte del loro contributo.

Ember
Tre utility hanno dominato le emissioni del settore energetico per il sesto anno consecutivo: RWE, PGE ed EPH.Ember

L'anno scorso, il settore energetico ha prodotto 739 milioni di tonnellate di (CO2e), circa la metà delle emissioni totali dell'EU-ETS. Il carbone ha contribuito per oltre il 60% alle emissioni del settore energetico, di cui Germania e Polonia erano responsabili per due terzi.

Le emissioni di carbone stanno ora diminuendo in tutta Europa

Anche se il carbone domina ancora le emissioni dell'UE, il declino di questo tipo di energia è iniziato. Le emissioni nel 2022 sono state inferiori del 40% rispetto a dieci anni fa. Nonostante le preoccupazioni per il ritorno dell'Europa all'energia a carbone durante la crisi globale del gas, gli aumenti sono stati limitati. Le emissioni di energia da carbone sono aumentate del 6% rispetto al 2021, ma sono rimaste al di sotto dei livelli del 2019.

Nei due Paesi che hanno causato le maggiori emissioni, Germania e Polonia, è stato registrato un calo del suo utilizzo. Ma rispetto alla Polonia, la Germania si sta muovendo più rapidamente. Berlino ha ottenuto una riduzione del 37% delle emissioni di energia da carbone nell'ultimo decennio e ora punta a una graduale eliminazione del carbone entro il 2030.

Ember
Gli impianti di lignite sono responsabili della maggior parte delle emissioni del settore energetico dell'UE.Ember

La Polonia, invece, deve ancora fissare una data per l'eliminazione del carbone e ha ottenuto solo una riduzione del 12% nell'ultimo decennio. "La Polonia sarà dunque presto il principale emettitore dell'UE se non cambia rotta", aggiunge Fox. "La Germania sta facendo passi da gigante per ridurre la sua dipendenza dal carbone, ma la Polonia deve ancora iniziare".

Di conseguenza, la Polonia ha una quota maggiore di emissioni del settore dell'energia a carbone EU-ETS nel 2022 (28%), rispetto al 19% di dieci anni fa, mentre la quota della Germania è rimasta stabile.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Clima, temperature record a marzo per il decimo mese consecutivo

Che cos'è l'SF6? Uno studio solleva preoccupazioni sul gas 24mila volte più potente della CO2

Lionel Messi si unisce a Join the Planet per ripulire fiumi e mari dalla plastica