This content is not available in your region

La comunità scientifica dell'Ue prepara la rivoluzione degli imballaggi alimentari

euronews_icons_loading
La comunità scientifica dell'Ue prepara la rivoluzione degli imballaggi alimentari
Diritti d'autore  euronews
Di Euronews

Forse l'acronimo  Pfas non vi fa venire in mente nulla di particolare, eppure  lo incontriamo nella quotidianità . Si tratta di quelle che vengono definite "sostanze chimiche per sempre", una famiglia di migliaia di sostanze chimiche presenti in oggetti di uso  comune come gli imballaggi alimentari. Sono presenti nel nostro corpo e in natura. 

Recentemente, 9 ong europee hanno analizzato una quarantina di imballaggi alimentari venduti nell'Unione Europea. Una trentina di questi imballaggi erano stati trattati con Pfas , impiegati per le loro proprietà impermeabilizzanti.

 Francois Veillerette , portavoce della ONG  Generations Futures spiega i motivi dell'utilizzo massiccio:

"Gli imballaggi di carta o cartone, cono trattati con antigrasso o antimacchia, per evitare che si formi un alone di grasso sul sacchetto di patatine, ad esempio, o per evitare di sporcarsi le dita. Quindi hanno un vantaggio limitato rispetto a un possibile rischio di contaminazione del consumatore".

Il dibattito

Il potenziale nocivo di queste sostanze è attualmente al vaglio dalla comunità scientifica. L'Autorità europea per la sicurezza alimentare prende sul serio il rischio. In 10 anni, ha diviso la dose tollerabile (valore tossicologico di riferimento) di Pfas per 1700, come hanno spiegato questi ricercatori a Euronews 

"Nel periodo prenatale, ci può essere un'esposizione della madre e quindi conseguenze per il feto".
Muriel Mercier-Bonin
direttore di ricerca in tossicologia alimentare

Ma non è tutto, come aggiunge il collega Hervè Robert: 

"Abbiamo casi di comparsa di tumori, di effetti sulla tiroide e di effetti che indeboliscono il sistema immunitario. Pensiamo addirittura che durante le recenti campagne di vaccinazione, gli effetti avrebbero potuto essere ridotti se fossimo stati esposti a questo tipo di composto"

I produttori  contattati  non hanno risposto alle nostre richieste di intervista, ad eccezione di Tetra Pak, leader mondiale nella progettazione di imballaggi per alimenti, che ha intensificato gli sforzi per produrre prodotti più rispettosi dell'ambiente:

" Non ci sono PFAS nelle confezioni Tetra Pak, con poche eccezioni. Sono in quantità talmente minime che sono ben al di sotto di quanto interessa oggi alle autorità europee".
Sarah Nerbonne
Direttore marketing TETRA PAK France & Benelux

L'azienda si è impegnata a eliminare gradualmente i Pfas "nel prossimo futuro". Altri produttori di imballaggi potrebbero essere obbligati a farlo per legge nel prossimo decennio.

La Commissione europea ha annunciato a fine di aprile che sta valutando la possibilità di vietare gradualmente alcuni usi dei Pfas nell'ambito di un'importante revisione della legislazione sulle sostanze chimiche attualmente in fase di negoziazione tra Bruxelles e gli Stati membri.