L'attrice Judith Godrèche chiede un'indagine sugli abusi sessuali nel cinema francese

L'attrice francese Judith Godrèche
L'attrice francese Judith Godrèche Diritti d'autore Michel Euler/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Diritti d'autore Michel Euler/Copyright 2024 The AP. All rights reserved.
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

L'attrice francese Judith Godrèche ha chiesto l'istituzione di una commissione di indagine sugli abusi sessuali nel cinema francese. In particolare accusa Benoît Jacquot e Jacques Dillon di abusi nel momento in cui ha recitato per loro. "Negli Usa non c'è sacralizzazione del regista come in Francia"

PUBBLICITÀ

Una commissione per indagare sui crimini sessuali e sul sessismo nel cinema francese. È questa la richiesta dell'attrice francese Judith Godrèche.

Godrèche ha parlato alla delegazione del Senato francese dei diritti delle donne, pochi giorni dopo aver chiesto all'industria cinematografica francese di "affrontare la verità" sulle violenze sessuali e gli abusi fisici durante una trasmissione in diretta alla cerimonia dei Premi César, la versione francese degli Oscar.

"Elementi del Medioevo nella società francese"

Dopo la sua richiesta al Senato, Godreche ha dichiarato di star "parlando il più forte possibile e sto cercando di aprire la porta il più possibile, ma non sta accadendo nulla a causa del modo in cui il sistema è stato costruito per anni e anni".

"Penso che ci sia qualcosa nella società francese che in qualche modo è ancora ancorata alla Moyen Age (il Medioevo)", ha aggiunto. Godrèche è stata invitata a parlare ai César venerdì scorso sulla violenza sessuale dopo che alcuni attori hanno dichiarato di essere stati vittime di abusi da parte di registi molto più anziani di loro.

Il suo discorso è stato accolto da una fragorosa ovazione, ma la Godrèche ha detto che si riserva di giudicare finché non vedrà un cambiamento fondamentale nella cultura cinematografica francese. Secondo l'attrice è difficile arginare lo strapotere dei registi in quest'ambito. 

 "Sento che gli Usa hanno un approccio diverso alla sacralizzazione dell'autore. Quindi spero che le cose cambino". Cambieranno? Io credo solo nell'azione, non negli applausi".

Il caso Weinstein e il movimento #MeToo

Vivendo negli Usa da dieci anni, Godrèche ha parlato anche di Harvey Weinstein e del movimento #MeToo, accusando il produttore di violenza sessuale. Durante la conferenza stampa di giovedì, l'attrice ha dichiarato che quando parlava di Weinstein negli Usa, si sentiva ampiamente sostenuta da altre donne che cercavano di cambiare le cose.

Godrèche ha paragonato la situazione a quella francese, affermando che "in questo Paese (la Francia), sento che non sono solo gli uomini ad abusare, a cercare di chiudere le donne, ma è la società che per me è bizzarra e ovviamente è ciò che sto combattendo ed è per questo che mi ritrovo a parlare e parlare ancora".

Godrèche, 51 anni, è ben nota agli spettatori francesi. Recentemente ha accusato due registi di stupro e abusi sessuali quando era adolescente. La denuncia è stata presentata formalmente all'inizio di questo mese, ha dichiarato il procuratore di Parigi.

L'attrice accusa in particolare il regista Benoît Jacquot, con cui ha avuto una relazione di sei anni iniziata quando aveva 14 anni, di stupro e abusi fisici. Jacquot, regista di spicco in Francia, ha 25 anni in più di lei. Accusa anche un altro regista, Jacques Doillon, di abusi sessuali mentre dirigeva un film quando lei aveva 15 anni. Doillon ha 28 anni più di lei.

La reazione di Jacquot e Doillon alle accuse di Godrèche

La Godrèche aveva già parlato della sua relazione con Jacquot, senza nominarlo, in uno spettacolo televisivo autobiografico intitolato "Icona del cinema francese", pubblicato a dicembre.

Jacquot ha dichiarato al quotidiano Le Monde di "non sentirsi direttamente coinvolto" dalle accuse di Godrèche, di cui ha detto di essersi innamorato all'epoca. Ha negato qualsiasi abuso di autorità.

In una dichiarazione rilasciata all'agenzia di stampa internazionale Afp Doillon ha affermato che "la giusta causa non giustifica denunce arbitrarie, false accuse e menzogne".

Dopo le accuse di Godrèche, altre donne hanno deciso di parlare.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Ungheria, scandalo abusi sessuali: chieste le dimissioni del premier Orbán

Ue, stretta contro gli abusi sessuali, anche online

Molestie sessuali durante una performance di Marina Abramovic, la denuncia contro il MoMA