EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Lettere d'amore (senza tempo) ai marinai: una straordinaria scoperta, 260 anni dopo

Lettere senza tempo.
Lettere senza tempo. Diritti d'autore AFP
Diritti d'autore AFP
Di Cristiano TassinariEuronews - Associated Press
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Uno storico francese dell'Università di Cambridge ha frugato negli archivi britannici e ha trovato un oggetto di grande valore: lettere scritte 260 anni! Riportandoci ai tempi della Guerra dei Sette Anni

PUBBLICITÀ

L'affascinante mondo delle lettere, anche 260 anni dopo essere state scritte.

Le ha scoperte uno storico francese, Renaud Morieux, negli archivi di Sua Maestà: una serie di lettere scritte a marinai francesi è stata finalmente aperta e studiata.

La loro nave "Galatee" fu catturata dagli inglesi durante il viaggio da Bordeaux al Quebec nel 1758, al culmine della Guerra dei Sette Anni (1756-1763), che vide Francia e Regno Unito negli schieramenti contrapposti.
I marinai a bordo finirono come detenuti nelle prigioni del Regno Unito. 

Le lettere vennero inviate soprattutto da mogli e madri, che non conoscevano il destino dei loro mariti e figli.

"Potrei passare la notte a scriverti...
Sono la tua moglie fedele per sempre".
Marie Dubosc al marito Louis Chambrelan, primo tenente della nave francese Galatee (1758)1758.
Louis non ricevette mai la lettera e sua moglie morì l'anno successivo, quasi certamente prima che fosse rilasciato dagli inglesi.

"Mi sono reso conto subito che non si trattava di lettere ufficiali, di diplomatici, di aristocratici o dell'alta borghesia, ma lettere di gente comune. E così il mio battito cardiaco ha accelerato... 
Ho capito subito che si trattava davvero di un oggetto unico, ed è stata davvero l'emozione più grande che abbia mai provato come storico", racconta il professor Renaud Morieux, docente di Storia europea al Pembroke College dell'Università di Cambridge.

"Ho capito subito che si trattava di un oggetto davvero unico".
"Ho capito subito che si trattava di un oggetto davvero unico".AFP Video

Le lettere offrono uno spaccato straordinariamente "reale" della vita delle famiglie comuni attorno alla metà del Settecento.
Alcune lettere esprimono amore e fedeltà ai mariti e ai fidanzati assenti.
In un'altra - datata 27 gennaio 1758 - una madre, Marguerite (61 anni), rimprovera il figlio Nicolas Quesnel di non scriverle mai.

"Penso più a te che tu a me...
In ogni caso ti auguro un felice anno nuovo, pieno di benedizioni del Signore".
La lettera di Marguerite al figlio Nicholas

La maggior parte di chi ha scritto queste lettere non ha mai piu rivisto i propri cari.

Lettere conservate gelosamente

I funzionari dell'Ammiragliato britannico, all'epoca, ritenevano le lettere prive di significato militare e la stragrande maggioranza languiva negli archivi, non aperte, finché non hanno attirato l'attenzione del professor Morieux.

"Ho ordinato la scatola solo per curiosità", racconta Morieux, i cui risultati sono stati pubblicati martedì sulla rivista "Annales. Histoire, Sciences Sociales".

Tre pile di lettere molto piccole, tenute insieme da un nastro: Morieux ha detto di "aver realizzato che ero la prima persona a leggere questi messaggi molto personali, da quando sono stati scritti. I destinatari previsti non hanno avuto questa possibilità. È stato molto emozionante", ha confessato il professor Morieux.

Lo storico ha identificato tutti i membri dell'equipaggio della "Galatee", composto da 181 persone, con lettere indirizzate a un quarto di loro, e ha condotto ricerche genealogiche sugli uomini e sui familiari che hanno loro indirizzato queste lettere.

Una delle lettere ritrovate.
Una delle lettere ritrovate.AFP Video

"Esperienze umane universali"

"Queste lettere parlano di esperienze umane universali e non riguardano solo la Francia o il XVIII secolo", ha aggiunto Morieux. 
"Rivelano come tutti noi affrontiamo le principali sfide della vita. Quando siamo separati dai nostri cari a causa di eventi al di fuori del nostro controllo, come la pandemia o le guerre, dobbiamo capire come rimanere in contatto, come rassicurare, come prenderci cura delle persone e mantenere viva la passione. Oggi abbiamo Zoom e WhatsApp", conclude il professor Morieux, "ma nel XVIII secolo le persone avevano solo le lettere. Eppure ciò di cui scrivevano sembra molto familiare".

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il tuffo nella storia che regalano le montagne del Tien Shan in Uzbekistan

Arte come cura, la storia di Giovanni Casale e dei suoi murales per aiutare il figlio malato

La vita "fuori rete" può sembrare facile sui social, ma la tragica fine di questa famiglia racconta una storia diversa