EventsEventi
Loader

Find Us

FlipboardLinkedin
Apple storeGoogle Play store
PUBBLICITÀ

Brexit, impatto sull'industria musicale britannica. I musicisti non riescono più a lavorare in Ue

Image
Image Diritti d'autore Euronews
Diritti d'autore Euronews
Di Michela MorsaLuke Hanrahan
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

I costi per l'organizzazione di visti, permessi di lavoro e spese di viaggio sono aumentati. E in mancanza di disposizioni specifiche, ai professionisti è concesso un soggiorno di soli 90 giorni. Diversi fattori che hanno portato a un calo degli ingaggi

PUBBLICITÀ

Berlino, casa di Simon Wallfisch, cantante lirico professionista britannico. Simon ha deciso di trasferirsi in Germania con la sua famiglia per superare quelle che considera barriere per i musicisti causate dalla Brexit.

"È un dato di fatto che dobbiamo affrontare: quello che prima era possibile, ricevere una chiamata il venerdì, presentarsi il lunedì e iniziare a lavorare in un altro Paese europeo, ora non è più possibile. E questo è esasperante e totalmente inutile", dice Simon. 

La Brexit ha avuto un impatto significativo sull'industria musicale britannica. Per i musicisti i costi per l'organizzazione di visti, permessi di lavoro e spese di viaggio sono aumentati. 

E le limitazioni dei visti Schengen concedono ai professionisti un soggiorno di soli 90 giorni su 180 all'interno dell'Unione europea. L'accordo commerciale tra il Regno Unito e l'Unione europea non prevede infatti disposizioni per i viaggi a breve termine dei professionisti creativi freelance.

"Ci siamo datti la zappa sui piedi da soli. Ci siamo deliberatamente spogliati della cittadinanza europea, della cittadinanza di 30 Paesi diversi, senza alcun vantaggio apparante. Di certo nella professione artistica è stata solo una perdita", continua Simon, che si considera fortunato in quanto può sfruttare l'origine tedesca della nonna per provare a chiedere un passaporto comunitario. 

La nonna, Anita Lasker-Wallfisch, ebrea tedesca sopravvissuta ad Auschwitz, comprende e sostiene la decisione del nipote di prendere la cittadinanza tedesca. "Lui è un vero europeo. Questi della Brexit non hanno pensato a nulla di tutto questo. Per quanto ci riguarda, questa è una decisione totalmente pratica.Tedesco o inglese? Europeo", afferma. 

Secondo un sondaggio della Società indipendente dei musicisti, gli artisti britannici sono alle prese con una seria diminuzione delle opportunità lavorative all'interno dell'Unione. La metà di loro riferisce di un calo successivo alla Brexit e un quarto non può più contare su alcun ingaggio all'interno della comunità europea. 

Sean Purtell, un giovane cantante baritono troppo giovane per votare all'epoca del referendum sulla Brexit, è tra coloro che ha visto sfumare un'opportunità per le complicazioni che l'essere semplicemente un cittadino britannico ormai implica. 

Recentemente, Sean era stato assunto per lavorare in un teatro d'opera danese. Ma ha perso l'ingaggio a causa di complicazioni con il visto. "Sono stati completamente onesti. Hanno detto che a causa della Brexit e della mia situazione di cittadino britannico, sarebbe stato difficile per me andare lì. Ero la loro prima scelta, ma c'erano i tempi".

Sean sta affrontando la procedura di richiesta di un passaporto europeo grazie alle sue origini irlandesi. Ma i musicisti britannici che non hanno questa possibilità, chiedono ora un accordo di esenzione dal visto su misura con l'Unione per poter continuare a suonare in Europa.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Tempo di superare la Brexit", dice il presidente della City di Londra

Collezione di Freddie Mercury, inizia l'asta a Sotheby's, centinaia i pezzi rari

Comedy Pet Photo Awards 2024: le foto degli animali da compagnia più belle