EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Da Fujita a Kissin: i grandi della musica classica al Festival di Verbier

Da Fujita a Kissin: i grandi della musica classica al Festival di Verbier
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Frédéric Ponsard
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Per festeggiare il 30° anniversario della manifestazione, uno dei principali appuntamenti per gli amanti della musica classica, gli organizzatori hanno riunito più di 50 tra i più grandi solisti del mondo

PUBBLICITÀ

Ogni estate da trent'anni Verbier, località sciistica nelle Alpi svizzere, ospita musicisti e amanti della musica provenienti da tutto il mondo per celebrare la musica classica. Durante il Festival la musica è ovunque: nelle sale da concerto e nelle chiese, ma anche nei club e nelle strade, grazie al programma Unlimited, con buskers e membri dell'Accademia di Verbier.

Stephen McHolm è il direttore dell'Accademia di Verbier e del programma Unlimited, che ha lanciato con successo 7 anni fa. "Unlimited è davvero un festival nel festival, volevamo desacralizzare la musica classica e celebrare la musica in genrale - dice McHolm -. Il Festival di Verbier non è solo musica classica, si può ascoltare anche tanta altra musica nelle strade".

Dieci anni fa è stata lanciata anche la Junior Orchestra, che consente a giovani talenti selezionati di frequentare masterclass con alcuni dei più grandi nomi della musica. L'americano James Gaffigan è il suo direttore musicale. "Come direttore musicale passo ogni settimana a fare musica e a prepararmi con loro - dice Gaffigan -. Come potete immaginare, molti di questi giovani hanno già suonato in un'orchestra. Qui imparano a conoscere la cultura dell'altro, i rispettivi strumenti, il loro livello di esecuzione, e si riuniscono per fare la stessa cosa, cioè avere esibizioni e prove dello stesso livello".

Per 30 giorni i giovani musicisti suonano e parlano di musica. Il culmine di queste attività è il concerto del 30 luglio che chiude il Festival, davanti a un pubblico di 1.500 spettatori. Charlotte Malherbe si prende cura di questi giovani taletni durante il loro soggiorno al Festival.

"Si potrebbe dire che questo è il terreno di coltura delle orchestre dei festival - dice Malherbe -. Arrivano qui, molti di loro hanno tra i 15 e i 18 anni, poi passano all'Orchestra Sinfonica del Festival, quindi all'Orchestra da camera. È bello, nel corso dei 10 anni del progetto, vederli evolvere da un'orchestra all'altra".

Per celebrare il suo 30° anniversario, il 24 luglio il Festival di Verbier ha riunito più di 50 tra i più grandi solisti del mondo. Tra questi il 24enne pianista giapponese Mao Fujita, e molti altri prodigi come Evgeny Kissin, che ha eseguito i Preludi dall'Opera 2 di Rachmaninov, e i fratelli Capuçon, che hanno reso omaggio a Bach.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Al via a Bucarest il Festival George Enescu, evento imperdibile per gli amanti della musica classica

Il distretto culturale che trasforma lo spazio artistico di Abu Dhabi

Il Gamesummit 2024 prevede emozionanti gare e spettacoli e interessanti dibattiti sui videogiochi