All'asta il maglione con la pecora nera di Lady D

L'iconico maglione di Lady D
L'iconico maglione di Lady D Diritti d'autore Frank Augstein / AP
Di Euronews
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

. Si tratta del pull rosso con pecore bianche, e solo una nera, firmato Warm & Wonderful

Sarà messo all’asta il mese prossimo l'iconico maglione appartenuto alla principessa Diana. Si tratta del pull rosso con pecore bianche, e solo una nera, firmato Warm & Wonderful.

PUBBLICITÀ

La casa d'asta Sotheby's ha annunciato la vendita del capo che suscitò molto clamore dal 31 agosto al 14 settembre a New York, insieme ad altri pilastri della moda.

Il valore di vendita è stimato tra i 50 e gli 80 mila dollari. Un maglione che Diana indossò per la prima volta ad una partita di polo dell'allora fidanzato Carlo. Era il mese di giugno del 1981. La bella Spencer e l'erede al trono si sarebbero sposati il 29 luglio dello stesso anno.

"A giugno del 1981, una Diana fresca di fidanzamento partecipava ad una partita di polo del principe Carlo portando un maglione Warm & Wonderful decorato da uno stravagante motivo con pecore bianche e nere e conquistava il mondo, visto che tanto i media che i critici fashion ed il pubblico si affannavano a sviscerare la simbologia dietro alla pecora nera", ricorda Sotheby's in una pubblicazione su Instagram. 

La pecora solitaria, infatti, era stata interpretata da molti come un'allusione all'isolamento di Diana all'interno della famiglia reale.

Il celebre maglione è stato da sempre oggetto di diverse rivisitazioni, oltre al successo rinnovato del guardaroba di lady D grazie alla seguitissima serie The Crown (dove era interpretata da Emma Corrina) o il film Spencer (Kristen Stewart).

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Muore a 94 anni l'ex proprietario di Harrods Mohamed Al Fayed

Budapest, in mostra le migliori immagini del World Press Photo

Artista danese Jens Haaning condannato a restituire 67.000 euro al museo