EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Meghan Markle non sarà il volto di Dior

Duchess of fashion? Meghan set to join Dior's celebrity roster
Duchess of fashion? Meghan set to join Dior's celebrity roster Diritti d'autore WWD/Getty
Diritti d'autore WWD/Getty
Di Saskia O'Donoghue
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Dopo giorni di rumors, un portavoce della casa di moda francese afferma che non ci sono state trattative contrattuali o contatti recenti con la duchessa di Sussex

PUBBLICITÀ

Chiuso il capitolo del podcast diHarry e Meghan Markle, cancellato da Spotify dopo una sola stagione, si è diffusa la voce che la moglie del principe Harry avrebbe assunto un nuovo ruolo da protagonista come volto di Dior.

AP Photo
Harry e Meghan nel 2022AP Photo

Purtroppo per i fan, le speranze di una presunta collaborazione si sono infrante: un portavoce della Maison ha dichiarato a Women's Wear Daily che le voci erano infondate e che non c'erano state trattative contrattuali o contatti recenti con Markle.

La Duchessa di Sussex ha indossato abiti Dior varie volte nel corso della sua carriera di reale, per esempio in occasione del Giubileo di Platino della defunta Regina Elisabetta e per il funerale della monarca lo scorso settembre. Anche il principe Harry ha scelto un abito Dior per la recente incoronazione di re Carlo.

Getty
La regina Elisabetta e Meghan MarkleGetty

Secondo alcuni media, l'accordo con Dior avrebbe potuto fruttarle l'incredibile cifra di 20 milioni di dollari (circa 18,2 milioni di euro) in tre anni.

Tuttavia, è ancora possibile che diventi ambasciatrice di un altro marchio di alta moda, soprattutto considerando la sua posizione di reale "subalterna" che le dà maggiore libertà.

Ad aprile, Markle ha firmato con l'agenzia di talenti Wme. Sembra che l'obiettivo sia "reinventare" il ruolo del reale sulla scia della pubblicità negativa che circonda i rapporti apparentemente tesi tra lei e Harry e la famiglia di lui, soprattutto in relazione alla pubblicazione del libro "Spare".

È piuttosto insolito che un reale di alto rango collabori con un marchio. La nipote di re Carlo, Zara Phillips, rappresenta un'eccezione nel Regno Unito, dove per diversi anni è stata ambasciatrice di Musto.

"In quanto reale in carriera, Meghan non avrebbe potuto accettare denaro, poiché non si possono ricevere altre entrate", ha dichiarato a Euronews Culture Josh Herbert, stilista e fondatore di Captain Creps, aggiungendo: "Sebbene Meghan sia stata classificata come influencer di moda per anni, non avrebbe potuto diventare ufficialmente ambasciatrice di un marchio o essere pagata per promuovere un'etichetta".

Herbert spiega che da tempo esiste una tradizione che vede i reali di alto rango prediligere determinati stilisti - la principessa Kate indossa molto Alexander McQueen, per esempio - ma, sebbene non sia loro consentito collaborare con i marchi, questa "approvazione non ufficiale" rappresenta un'ottima pubblicità per le aziende.

Nonostante non ci sia alcuna collaborazione con Dior all'orizzonte, il gigante della moda francese ha avuto una stretta relazione con diversi reali di alto rango nel corso degli anni.

La defunta suocera di Meghan, la principessa Diana, portava con sé la sua borsa Lady Dior in innumerevoli occasioni.

Getty
Lady D. con la sua borsa Dior negli anni NovantaGetty

Nel 1995, Diana partecipò all'inaugurazione di una retrospettiva su Paul Cézanne al Grand Palais di Parigi, dove la First Lady di Francia le regalò una borsa Dior nuova di zecca, ancora inedita, che allora si chiamava "Chouchou".

Dopo aver abbandonato il ruolo di reali, ufficialmente nel gennaio 2020, Harry e Meghan hanno dovuto in gran parte finanziare il proprio stravagante stile di vita, nonostante l'allora principe Carlo avesse regalato loro "una somma sostanziosa" per sostenere la loro transizione verso l'indipendenza finanziaria.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Spotify rescinde contratto con Harry e Meghan

Miguel Gomes, "Grand Tour" e il premio per la miglior regia a Cannes: intervista esclusiva

Le migliori cose da fare e vedere (o da vedere) in Europa questa settimana