EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

Dall'hip-hop alle bande di ottoni: ecco il programma del Balkan Trafik! 2023

Dall'hip-hop alle bande di ottoni: ecco il programma del Balkan Trafik! 2023
Diritti d'autore euronews
Diritti d'autore euronews
Di Frédéric Ponsard
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Il festival, nato più di 15 anni fa dall'incontro tra il belga Nicolas Wieërs e il kosovaro Ilir Sefa, si svolgerà a Bruxelles dal 27 al 30 aprile

PUBBLICITÀ

A Pristina, capitale del Kosovo, è stata presentata l'edizione 2023 del festival Balkan Trafik!, nato più di 15 anni fa dall'incontro tra il belga Nicolas Wieërs e il kosovaro Ilir Sefa. Il festival si svolge alla fine di aprile a Bruxelles e quest'anno vede la partecipazione di molti artisti kosovari. Il primo episodio del documentario Balkan What!, prodotto dal festival, mette in luce i talenti emergenti della regione.

Uno di questi è BimBimma, uno dei primi artisti della scena hip-hop kosovara. Un artista politicamente impegnato. "La musica è vita, perché tutto nella vita è ritmo - dice BimBimma -. Con il ritmo ho scelto di fare poesia e di fare delle mie parole un'arma per combattere l'ingiustizia, lottare per la giustizia, l'uguaglianza, contro la corruzione e parlare di temi sociali. Questo perché il Kosovo è un Paese povero e in 20 anni avrebbe potuto crescere molto di più di quello che vedete qui".

Dalla scena urban contemporanea alla danza. Il Kosovo ha un corpo di ballo tradizionale, chiamato Shota, composto da 45 ballerini e musicisti. Per il suo ballerino di punta, Besnik H. Grajcevci, il corpo di ballo è una parte integrante della cultura e dell'identità del popolo albanese, che è la maggioranza in Kosovo. "Non è un caso che nei Balcani siamo conosciuti come il popolo più entusiasta, più energico, con una forte dinamica interna - dice Grajcevci -. Le nostre danze hanno queste caratteristiche, esprimiamo il nostro modo di essere, le nostre emozioni interiori in vari modi: con il nostro corpo e con il nostro l'abbigliamento".

Dal Kosovo alla Macedonia del Nord, due Paesi legati da un gemellaggio multietnico tra la scuola di Mitroviça, che riunisce serbi e albanesi, e quella di Skopje, che accoglie giovani rom. Tutti insieme nel segno del rock. "Il rock è sempre stato una musica popolare, è sempre stato presente nella regione dell'ex Jugoslavia - dice Emir Hasani, responsabile del progetto Mitroviça Rock School -. È sempre stato una cosa grande, anche una sottocultura in qualche modo".

Quando si parla di musica balcanica, non possono mancare le bande di ottoni. L'headliner del festival sarà Dzambo Agusevi, originario della Turchia e star della Macedonia settentrionale. Il Balkan Trafik! si svolgerà a Bruxelles dal 27 al 30 aprile.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Art Paris 2024: La ricca scena artistica francese al centro della scena, spiccano i giovani talenti

Andrey Gugnin vince il primo premio di 150.000 € al concorso internazionale Classic Piano 2024

Il festival Balkan Trafik! esplora la Moldova e le sue minoranze culturali