EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

"The Movie Critic", l'ultimo film di Quentin Tarantino, riguarderà la critica Pauline Kael?

Quentin Tarantino’s final film, The Movie Critic, is rumoured to be about celebrated film critic Pauline Kael   -
Quentin Tarantino’s final film, The Movie Critic, is rumoured to be about celebrated film critic Pauline Kael - Diritti d'autore AP - Wiki Commons
Diritti d'autore AP - Wiki Commons
Di David Mouriquand
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button

Si tratta del decimo film, che il regista ha affermato da tempo sarà il suo ultimo lungometraggio

PUBBLICITÀ

Il decimo film di Quentin Tarantino, che il regista ha affermato da tempo sarà il suo ultimo lungometraggio, si chiamerà "The Movie Critic".

Secondo The Hollywood Reporter, questo è il nome della sceneggiatura che Tarantino ha scritto e dirigerà quest'autunno.

Eventuali ulteriori dettagli sono top secret in questo momento - probabilmente nella valigia chiusa a chiave con combinazione 666 di Pulp Fiction - ma le fonti descrivono la storia come ambientata alla fine degli anni '70 a Los Angeles con una protagonista femminile al centro.

Ovviamente, il titolo è provvisorio e non definitivo: tuttavia, è un'indicazione su dove potrebbe essere diretto il film, potenzialmente basato sulla vita della nota critica cinematografica Pauline Kael.

Per anni, il regista premio Oscar ha espresso interesse e ammirazione per Kael, tra i critici cinematografici più influenti di tutti i tempi. 

In un articolo del Time Magazine del 1994, ha affermato che “è stata influente quanto qualsiasi regista nell'aiutarmi a sviluppare la mia estetica. 

Non sono mai andato a una scuola di cinema, ma lei era la professoressa nella scuola di cinema della mia mente".

Kael, morta nel 2001, non era solo una critica ma anche una saggista e scrittrice, nota per i suoi scontri con editori e registi. 

Sinora, i film di Tarantino gli sono valsi innumerevoli premi, tra cui la Palma d'Oro per Pulp Fiction; quattro Golden Globe per Pulp Fiction (migliore sceneggiatura), Django Unchained (migliore sceneggiatura) e C'era una volta a... Hollywood (migliore sceneggiatura e miglior film – musical o commedia); due BAFTA per Pulp Fiction e Django Unchained (entrambi Miglior Sceneggiatura Originale); e due Oscar per Pulp Fiction e Django Unchained (miglior sceneggiatura originale in entrambi i casi).

Ha anche collezionato tre nomination all'Oscar come miglior regista (Pulp Fiction, Bastardi senza gloria e C'era una volta a... Hollywood) e una nomination come miglior film (C'era una volta a... Hollywood), ma non è riuscito a vincere nessuno dei due ambiti premi.

Considerando che "The Movie Critic" sarà il suo presunto ultimo film, non vedrà l'ora di rimediare...

Heather Ikei / AMPAS
Quentin Tarantino at the 2013 Oscars.Heather Ikei / AMPAS

Perché Tarantino si ritira dopo 10 film?

Tarantino ha mantenuto a lungo il suo desiderio di ritirarsi al top della carriera e ha spesso affermato che si sarebbe ritirato dopo 10 film e a 60 anni.

La sua logica è che anche i registi più famosi vedono diminuire la qualità del lavoro col passar del tempo e vuole che la sua filmografia sia ricordata "senza fallimenti".

Nel 2012 disse a Playboy: “Voglio fermarmi a un certo punto: i registi non migliorano man mano che invecchiano, di solito i peggiori film della loro filmografia sono gli ultimi quattro. 

Mi occupo solo della mia filmografia, e un brutto film ne rovina tre buoni: non voglio quella commedia brutta e fuori dal comune nella mia filmografia, quando i registi diventano obsoleti non è bello”.

I film che ha già diretto sono:

Reservoir Dogs - 1992

Pulp Fiction - 1994

PUBBLICITÀ

Jackie Brown - 1997

Kill Bill: Volume 1 - 2003

Kill Bill: Volume 2 - 2004

Grindhouse: Death Proof - 2007

Inglorious Bastards - 2009

PUBBLICITÀ

Django Unchained - 2012

The Hateful Eight - 2015

Once Upon a Time in... Hollywood - 2019

Nonostante Tarantino consideri i due film di Kill Bill come uno, possiamo dire che "The Movie Critic" sarà il suo undicesimo film.

Per coloro che già temono un panorama cinematografico senza lo scrittore-regista ossessionato dalla storia del cinema, Tarantino ha espresso interesse per altri sbocchi creativi, notando nelle interviste che potrebbe dirigere serie limitate o opere teatrali. 

PUBBLICITÀ

Nel 2021, ha pubblicato il suo primo romanzo, un romanzo di C'era una volta a... Hollywood: mentre promuoveva il suo libro del 2022 "Cinema Speculation", Tarantino ha rivelato l'intenzione di girare una serie televisiva di otto episodi.

Chi era Pauline Kael?

29Pictures
Pauline Kael - still from the 2018 documentary What She Said: The Art of Pauline Kael.29Pictures

Pauline Kael (1919-2001) era un'appassionata fan del cinema e rimane una regina della critica cinematografica, l più influente della sua epoca.

Ha pubblicato il suo primo pezzo di critica cinematografica nel 1953 sulla rivista City Lights a San Francisco: seguirono altri articoli su Partisan Review, Moviegoer e altre riviste, e il suo lavoro iniziò ad apparire regolarmente su Film Quarterly.

La sua reputazione crebbe per le sue battute crude, vivaci e aspre, e una raccolta dei suoi articoli fu pubblicata nel 1965 con il titolo "I Lost It at the Movies". 

Il libro è stato un best-seller e ha riportato i favori di importanti riviste come Life, Holiday, Mademoiselle e McCall's.

PUBBLICITÀ

È entrata a far parte di New Yorker nel 1968 e ha recensito film per loro sino al suo ritiro, avvenuto nel 1991.

Ecco alcune delle sue esternazioni più memorabili:

Quando vedo quegli annunci con la citazione "Dovrai vedere questa pellicola due volte", so che è il tipo di pellicola che non voglio vedere nemmeno una volta

Su Bonnie e Clyde:

“'Bonnie and Clyde' è il film americano americano più eccitante dai tempi di 'The Manchurian Candidate': la nostra esperienza mentre lo guardiamo ha qualche connessione con il modo in cui abbiamo reagito ai film durante l'infanzia, come siamo arrivati ad amarli e a sentirli nostri, non un'arte che abbiamo imparato negli anni ad apprezzare ma semplicemente e immediatamente nostra".

La volgarità non è così distruttiva per un artista quanto lo snobismo

Da "Trash, Art, and the Movies":

PUBBLICITÀ

“Un buon film può farti uscire e dalla disperazione che così spesso accompagna l'andare in un cinema: un buon film può farti sentire di nuovo vivo, ti fa credere di nuovo nelle possibilità. 

Se da qualche parte nel mondo dello spettacolo di Hollywood qualcuno è riuscito a sfondare con qualcosa che ti parla, allora non è tutta corruzione: il film non deve essere eccezionale, può essere stupido e vuoto e puoi ancora avere la gioia di una buona performance o di una buona battuta. 

E poiché i film sono la forma d'arte più totale e avvolgente che abbiamo, queste reazioni possono sembrare le più personali e importanti immaginabili.

A volte è scoraggiante vedere tutti i film di un regista, perché ci sono così tante ripetizioni: gli autori lo consideravano un segno dell'abilità artistica di un regista, ma può anche essere un segno che è un hacker

Da “Stanley Strangelove: A Clockwork Orange”:

“La moralità confusa e corrotta del film non è, tuttavia, ciò che lo rende un'esperienza visiva così ripugnante: è offensivo molto prima che si percepisca dove sta andando, perché non ha sfumature. 

PUBBLICITÀ

Kubrick, un regista dallo spirito artico, è determinato a essere pornografico e non ha talento per questo: in Los Olvidados, Buñuel mostrava adolescenti che commettevano orribili brutalità, e anche se non ti facevi illusioni sulle loro vittime eri atterrito. 

Buñuel ti fa capire la pornografia della brutalità: la pornografia è ciò che gli esseri umani sono capaci di fare ad altri esseri umani: Kubrick è sempre stato uno dei registi meno sensuali e meno erotici, e i suoi tentativi di umorismo fallico qui sono come i palloncini di piombo di un professore.

Penso sia più probabile che si provi una fredda antipatia nei confronti del film piuttosto che orrore per la violenza, o anche godimento di esso.

Questo film è un parrucchino truccato per sembrare un'onesta calvizie

Su "It’s a Wonderful Life":

“Il film con il groppo in gola più implacabile di Frank Capra: nel suo modo sdolcinato e agrodolce, il film è ben fatto, ma è abbastanza privo di umorismo e, con tutta la virtuosa sofferenza dell'eroe, non ha preso piede tra il pubblico. 

PUBBLICITÀ

Capra qui assume un tono serio, anche se non c'è base per la serietà; questa è una filastrocca che cerca di passare per arte.

Il suo unico talento è nelle sue narici

Su" Chloe in the Afternoon":

“Chloe in the Afternoon di Eric Rohmer, che ha aperto il New York Film Festival, sarà probabilmente definito un film perfetto, e in un certo senso suppongo che lo sia, ma era evaporato mezz'ora dopo averlo visto. 

È dimenticabile quanto può esserlo un film: forse Rohmer, che è diventato uno specialista dell'erotismo delle relazioni non sessuali, ha rimuginato troppo a lungo su una piccola idea, forse volutamente (ma chi può esserne sicuro?), si tratta di una reductio ad absurdum. 

Il gioco del volere o del non volere (una versione intellettualizzata della difficile situazione delle vergini di Broadway) va avanti così a lungo che l'eroe schizzinoso deve essere pensato di essere un asino.

PUBBLICITÀ
Il cinema è così dominato dagli uomini ora che pensano di essere pro-femminili quando hanno donne che si prendono a pugni a vicenda

Da "Kiss Kiss Bang Bang: Film Writings, 1965-1967":

"Quando la lussuosissima Miss Charisse accavalla le sue fenomenali gambe attorno a (Fred) Astaire, le si può perdonare tutto, anche il fatto che legga le sue battute come se le avesse imparate foneticamente".

Dove c'è una volontà, c'è un modo: se c'è una possibilità su un milione che tu possa fare qualcosa, qualsiasi cosa, per impedire che ciò che desideri finisca, fallo

Se vuoi saperne di più su di lei, vedi 'The Art of Pauline Kael', il documentario del 2018 di Rob Garver che offre il ritratto del lavoro e della vita della critica cinematografica e della sua battaglia per raggiungere il successo e l'influenza nel mondo del cinema del 20° secolo.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Cinema: "As Bestas" trionfa ai Goya in Spagna

Canto lirico italiano patrimonio Unesco, evento all'Arena di Verona

Le migliori cose da fare e vedere in Europa questa settimana