This content is not available in your region

Balkan Trafik, tra culture e musica balcanica, pronto a invadere il Belgio con le sue note folli

euronews_icons_loading
Balkan Trafik, tra culture e musica balcanica,  pronto a invadere il Belgio con le sue note folli
Diritti d'autore  euronews
Di Frédéric Ponsard  & Euronews

Alla fine di aprile si terrà in Belgio il festival Balkan Trafik, pioniere delle culture e della musica balcanica dal 2006. In viaggio con gli organizzatori, sulle strade della  Serbia, Euronews ha potuto scoprire le band e i musicisti di questa edizione 2022, a partire dall'immancabile musica gitana, e le sue famose Brass band.

Balkan Trafik va alla fonte per trovare artisti e musicisti di un sud-est europeo in gran parte sconosciuto, che per alcuni sembra ancora lontano.

Scopriamo questa incredibile ricchezza e diversità partendo  da Vladičin Han, una delle culle della musica balcanica, ai confini di Serbia, Bulgaria, Kosovo e Macedonia settentrionale.

 La comunità rom è l'anello di congiunzione tra tutte le altre comunità della regione, per i matrimoni, i funerali e tutte le altre occasioni celebrative. Ci sono molte bande di ottoni, le migliori si esibiscono in concerto, e alcune scelte attraversano le frontiere...

A Balkan Trafik quest'anno, saranno presenti diversi gruppi di fama internazionale,come  la Kadrievi Orkestar, dalla vicina Macedonia del Nord...

 Masar Jarasov-Kadriev riassume così il senso della manifestazione: 

"Siamo rom, orgogliosi di cantare in tutte le lingue: canzoni rumene, serbe, macedoni. Siamo una famiglia e molto orgogliosi di suonare per Balkan Trafik con Orkestar Kadrievi"

 Ci sarà anche Bojan Krstic, uno dei migliori trombettisti balcanici . :  

"Siamo diventati noti in tutto il mondo suonando la musica di Goran Bregović per Il tempo degli zingari di Emir Kusturica, e siamo la quinta generazione di musicisti".

E Goran Bregović la star, l'abbiamo incontrato nella sua casa di Belgrado parlando di influenze culturali e musicali...

"Ogni arte è una miscela. È una cosa inevitabile, soprattutto se sei nato qui dove per cinque secoli c'è stato un confine tra ortodossi, cattolici e musulmani. In più, il suono gitano, che mescola bene il tutto... Come compositore, mi trovo già con questo "frankenstein" musicale! Nei Balcani, il compito della Brass Orchestra non è solo quello di fare musica, ma anche di portare la follia! Ci vediamo a Bruxelles!

E poi ci sono le Pretty Loud,  giovani ragazze rom che rappano e lottano contro la violenza sulle donne, i diritti delle donne, l'emancipazione e l'uguaglianza di genere.

Zlata Victoc,  28 anni, è una di loro. 

"Il patriarcato è ancora presente nella comunità rom, ma la giovane generazione rom vuole dei cambiamenti. Vogliamo cambiamenti, e che ogni donna sia indipendente e prenda decisioni per conto proprio".

Tutto questo lo scoprirete  dal vivo a Bruxelles e Namur dal 28 maggio .