EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

Storie e foto di una pandemia. Sul sito "Coronarchiv" il Covid raccontato dalla gente

Storie e foto di una pandemia. Sul sito "Coronarchiv" il Covid raccontato dalla gente
Diritti d'autore ARTE
Diritti d'autore ARTE
Di Debora Gandini
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nato in Germania nel marzo 2020, "Coronarchiv" è un sito archivio di storie e foto sulla pandemia. Racconti personali di un evento epocale

PUBBLICITÀ

Un giorno, si spera non tanto lontano, la pandemia finirà. Ma questo evento epocale lascerà un segno indelebile. Un segno fatto di immagini drammatiche ma anche di speranza. E poi ci sono storie di vita, testimonianze, racconti personali che si trovano solo su un sito tedesco: Il “Coronarchiv”. 

Un archivio nato nel marzo del 2020 per dare spazio e voce a una crisi mai raccontata. "In futuro probabilmente quando leggeremo i giornali saremo in grado di capire come i politici hanno davvero gestito l’emergenza, ci racconta Heiko Franke, un artista tedesco che si sta occupando del progetto. “Tuttavia non ci sarà nulla sulla vita quotidiana e più intima delle persone perché si trova poco sulla stampa. Mentre nel nostro sito tutto è ben documentato.”

Nonostante le numerose difficoltà dovute all’emergenza c’è chi non si è mai perso d’animo. Su questo portale è possibile caricare filmati seri ma anche leggeri, foto, testi, pensieri legati al coronavirus. Tutti possono pubblicare gratuitamente il proprio contributo e consultarlo gratuitamente, grazie al supporto di ricercatori di diverse università tedesche.

Il sito web "Coronarchiv" è come un enorme contenitore. Tutti possono scrivere quello che provano a livello emozionale. Nessuno deve avere paura di postare i propri sentimenti. Il portale è collegato ai principali social network, da Instagram a Tik Tok. Attualmente, oltre alla versione tedesca, sono disponibili online le versioni inglese, spagnola e portoghese. Una sorta di ricordo ancora vivo di un’epoca che non dimenticheremo mai.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il distretto culturale che trasforma lo spazio artistico di Abu Dhabi

Il Gamesummit 2024 prevede emozionanti gare e spettacoli e interessanti dibattiti sui videogiochi

"Tutto del Classic Violin Olympus è unico!": l’intervista a Pavel Vernikov