This content is not available in your region

Neil Young vende il suo archivio musicale

Neil Young vende il suo archivio musicale
Diritti d'autore  AP Photo
Di Alberto De Filippis

Era accaduto con i Beatles o con lo sterminato archivio di Prince. Neil Young è diventato l'ultimo musicista a vendere a peso d'oro il suo catalogo di canzoni. Ha venduto una quota del 50 per cento a una società di investimento britannica.

In un settore in cui le vendite di musica sono diminuite e l'industria dei concerti è in stallo a causa della pandemia di coronavirus, la pubblicazione di canzoni è vista come una risorsa sempre più preziosa.

Neil Young:  "Non cambia nulla. Tutto resta uguale. Il tour stavolta invece non è stato divertente. Abbiamo voluto esprimere noi stessi".

L'Hipgnosis Songs Fund ha dichiarato di aver acquisito la metà dei diritti d'autore e delle royalties di circa 1.180 canzoni scritte dalla rock star ormai 75enne. Neil Young è stato anche un precursore della difesa dell'ambiente e della lotta ai cambiamenti climatici.

Continua Neil Young: "Il mondo intero ha bisogno essere risettato. Questo è tutto. Viviamo un momento critico e le persone non lo capiscono perché le cose si stanno muovendo lentamente, ma inesorabilmente. Lo possiamo vedere, ma la maggioranza delle persone non riesce a vedere questo cambiamento. La gente è preoccupata per la propria vita quotidiana più di quanto non lo sia per il proprio futuro. Non sono preoccupati per i propri nipoti."

L'accordo (alcuni parlano di 100 milioni di euro) arriva un mese dopo che Bob Dylan ha venduto i diritti di più di 600 canzoni alla Universal per una cifra stimata tra i 300 milioni e il mezzo miliardo di euro.