EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Berlino: volti nuovi al Festival internazionale del cinema

Berlino: volti nuovi al Festival internazionale del cinema
Diritti d'autore eone Germany / Paramount
Diritti d'autore eone Germany / Paramount
Di euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Mariette Rissenbeeck e Carlo Chatrian sostituiscono Dieter Kosslick, che ha diretto la kermesse per quasi 20 anni

PUBBLICITÀ

Sono i nuovi volti del Festival internazionale del cinema di Berlino: Mariette Rissenbeeck e Carlo Chatrian sostituiscono Dieter Kosslick, che ha diretto la kermesse per quasi 20 anni.

In occasione della 70esima edizione, 18 film provenienti da altrettanti Paesi prendono parte al concorso, presieduto dall'attore britannico Jeremy Irons.

Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.
(AP Photo/Alessandra Tarantino)Copyright 2019 The Associated Press. All rights reserved.Alessandra Tarantino

"Non sono solo film - dice la Rissenbeek - è un lavoro collettivo, ogni anno la manifestazione accorpa pubblico e audience".

Invece del glamour di Cannes o Venezia, Berlino da sempre preferisce il cinema d'autore, puntando i riflettori sugli spettatori che assistono alle proiezioni.

AP

Salma Hayek e Willem Dafoe saranno presenti nella capitale tedesca.

"Questa conferenza stampa cade alla fine di un viaggio emozionante - dice Chatrian - durante il quale siamo entrati in contatto con più di 6800 film provenienti da tutto il mondo".

Il Festival, che avrà luogo dal 20 febbraio al 1 marzo, è noto per la sua apertura al mondo e i film atipici: ino dei più attesi nella competizione di quest'anno è "Berlin Alexanderplatz", del regista tedesco-afgano Burhan Qurbani, un adattamento contemporaneo dell'omonimo romanzo sui proletari della società tedesca.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Berlinale 2020: un orso d'oro contro la censura iraniana

Berlinale, un terzo dei film in concorso è diretto da donne

European Film Awards: dominio di "Anatomia di una caduta"