EventsEventiPodcasts
Loader

Find Us

PUBBLICITÀ

I 100 anni dello spazio-tempo Bauhaus

I 100 anni dello spazio-tempo Bauhaus
Diritti d'autore 
Di Euronews
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

Nono solo in Germania si celebra il secolo dalla nascita del Bauhaus, avanguardia storica novecentesca che riuscì a fondere nelle sue invenzioni gli apporti di tutte le arti. Ecco come la ricorda Berlino

PUBBLICITÀ

L'idea dello spazio-tempo Bauhaus nasceva 100 anni fa. Nell'aprile 1919 Walter Gropius lanciava a Weimar l'idea dell'opera d'arte "totale" (Gesamtkunstwerk) in cui tutte le discipline si fondevano. Nel 1933, la Gestapo sopprimeva quest'avaguardia. Ma il Bauhaus non è mai morto. Pittore, scultore, designer Oscar Schlemmer è stato un maestro della nuova scuola. Fra le sue coreografie il balletto triadico.

DIANA SCHNIEDERMEIER, coreografa: "Un secolo fa, il Bauhaus rifletteva sul rapporto tra uomo e macchina e su come cambiava il contesto di industrializzazione e meccanizzazione. Schlemmer condusse molti esperimenti sulla scena. Un altro aspetto per noi molto importante è la teoria di Gropius sul "teatro totale" (che lui stesso suggeriva) in cui chiedeva che la separazione tra uomo, spettatore e palcoscenico venisse abolita, in modo che lo spettatore fosse integrato nell'azione scenica".

La mostra sui 100 anni del BAUHAUS

A Berlino l’Akademie der Künste lancia la mostra "100 anni Bauhaus", a cura di Bettina Wagner-Bergelt – dedicata alla celebrazione movimento targato Gropius e lo fa con installazioni, ricordi del passato e proiezione della sua eredità nel futuro.

BETTINA WAGNER-BERGELT, curatrice della mostra: "Col suo approccio al mondo dell'arte il Bauhaus ha ancora una funzione decisiva, e possiamo ancora imparare molto da questo movimento che poteva anche essere dimenticato 100 anni dopo".

Hufeisensiedlung

L'Hufeisensiedlung di Bruno Taut è probabilmente l'esempio più eclatante dell'innovativa pianificazione urbanistica tedesca degli anni '20. Il termine "ferro di cavallo" descrive la forma della struttura straordinariamente curva - circondato da idilliache case a schiera e

inserito in un quartiere che allo stesso tempo è urbano e rurale. In una ubicazione strettamente legata al cuore della vibrante Berlino. Questo famoso sviluppo dell'architettura dell'era Bauhaus combina uno stile architettonico unico con l'ideale sociale di un giardino per tutti.

-------------------------

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

"Tutto del Classic Violin Olympus è unico!": l’intervista a Pavel Vernikov

In mostra alla Saatchi Gallery il volto mutevole della fotografia di moda

Art Paris 2024: La ricca scena artistica francese al centro della scena, spiccano i giovani talenti