EventsEventiPodcasts
Loader
Find Us
PUBBLICITÀ

Milano Moda Donna, gli ultimi fuochi

Milano Moda Donna, gli ultimi fuochi
Diritti d'autore 
Di Paolo Alberto Valenti
Pubblicato il
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Copia e incolla il codice embed del video qui sotto:Copy to clipboardCopied

DSQUARED2 Un po’ regimental, un po’ anni ’80.

PUBBLICITÀ

DSQUARED2

Un po’ regimental, un po’ anni ’80. Ecco la signorina luccicante vestita Dsquared2: il suo è un look glamour con giacche piene di dettagli militari. Saltano all’occhio proprio i capi di stampo militare con spalle esagerate come la moda anni ’80. La donna disegnata da Dean e Dan Caten indossare mini gonne con stampe animalier (zebrate o leopardate), ben infiocchettate o con dettagli oro, piuttosto vistosi.

In alternativa alle mini ci sono i jeans dal taglio boyfriend che scoprono la caviglia, ai piedi tacchi stiletto vertiginosi. Anche il denim è tutto un luccicare, con cascate di cristalli o spalmature che rendono il tessuto brillante. Gli accessori almanaccano un repertorio di motivi iconici che tornano continuamente, su collane, spille, orecchini.

MISSONI

Giochi di colori e fasce che avvolgono in una logica piu’ orizzontale che verticale. Pallide accensioni cromatiche che risalgono all’estro esclusivo della masion. Cosi’ Missoni immagina la moda 2017 progettando soluzioni di media lunghezza, aggiungendo strati e pantaloni, rivelando bikini e top a fascia multicolori con sciarpe e cardigan per riempire i guardaroba dell’estate che verrà. La sua è una femmina che non riesce ad ardere fino al splendere e forse ama di piu’ una notte colorata e tenue agli sgoccioli.

MARNI

E’ una collezione trasformista, con cinture che si trasformano in borse e coulisse che cambiano la forma degli abiti, quella portata in passerella da Consuelo Castiglioni per la prossima estate firmata Marni. “Utopia del colore” la definisce la stilista svelando creazioni che vanno dal bianco al nero e attraggono
piccole stampe di fiori e graniglie. A vederla in passerella la proposta sembra giocata piu’ sul volume, con gli abiti plissettati movimentati da giochi di corde, arricchiti da cinture con i tasconi che si staccano e si possono portare come borse a mano o a tracolla. Tutto è sovrapposto, piegato, rivoltato ma solo vagamente accattivante.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Il Gamesummit 2024 prevede emozionanti gare e spettacoli e interessanti dibattiti sui videogiochi

"Tutto del Classic Violin Olympus è unico!": l’intervista a Pavel Vernikov

In mostra alla Saatchi Gallery il volto mutevole della fotografia di moda