EventsEventiPodcasts
Loader
Seguiteci
PUBBLICITÀ

In quali Paesi europei si risparmia di più?

La Germania è il Paese che risparmia di più nell'UE, con il 19,91%.
La Germania è il Paese che risparmia di più nell'UE, con il 19,91%. Diritti d'autore THIBAUD MORITZ/AFP or licensors
Diritti d'autore THIBAUD MORITZ/AFP or licensors
Di Eva Kandoul
Pubblicato il Ultimo aggiornamento
Condividi questo articoloCommenti
Condividi questo articoloClose Button
Questo articolo è stato pubblicato originariamente in inglese

Secondo gli ultimi dati, nel 2022 le famiglie europee risparmieranno 1/8 del loro reddito. Ma in quale Paese si risparmia di più? Euronews Business dà un'occhiata.

PUBBLICITÀ

Risparmiare o non risparmiare, questo è il dilemma. L'anno scorso gli europei hanno scelto di risparmiare 1/8 del loro reddito, secondo gli ultimi dati diffusi da Eurostat, l'ufficio statistico dell'UE.

Nel 2022, le famiglie dell'Unione hanno risparmiato in media il 12,7% del loro reddito disponibile, mentre il tasso per l'area dell'euro è stato più alto, pari al 13,7%.

Il reddito disponibile è quello che le famiglie hanno a disposizione per la spesa e il risparmio dopo le tasse e spese fisse, secondo la definizione di Eurostat.

"Se le famiglie guadagnano 100 euro, ne spendono 78,3 e ne rimangono 12,7 da spendere", ha spiegato Sylvain Bersinger, capo economista di Astères, "è una cifra normale. La maggior parte dei Paesi dell'Unione ha un tasso di risparmio delle famiglie tra il 10% e il 15%", ha aggiunto.

Una cifra molto più alta rispetto agli Stati Uniti, dove i residenti hanno risparmiato solo il 3,4% del loro reddito nel settembre 2023, secondo Statista.

La Germania è il campione europeo

La Germania è al primo posto sul podio con il più alto tasso di risparmio lordo (19,91), i Paesi Bassi hanno ottenuto la medaglia d'argento (19,44) e il Lussemburgo il bronzo (18,14).

Due Paesi sono in rosso, con tassi di risparmio negativi: spendono più di quanto guadagnano. Ciò che guadagnano non è sufficiente a finanziare i loro consumi, quindi prendono in prestito o utilizzano i risparmi accumulati in passato. Questi due Paesi sono la Polonia e la Grecia.

12 EU members recorded saving rates below 10.0% in 2022, among which Poland and Greece had negative rates, -0.8% and -4.0%, respectively.
12 EU members recorded saving rates below 10.0% in 2022, among which Poland and Greece had negative rates, -0.8% and -4.0%, respectively.Eurostat

Tuttavia, le famiglie europee non possono essere incluse tutte sotto un unico profilo. Esistono grandi differenze nei comportamenti di risparmio in Europa, "così come tra le famiglie", ha spiegato Luigi Guiso, ricercatore presso il Center for Economic and Policy Research (Cerp). "C'è chi spende tutto e chi risparmia gran parte del proprio reddito, ma è difficile capire perché".

The saving rates across countries differ massively, as much as across families.
Luigi Guiso
Research fellow ath Center for Economic Research

La ricchezza è certamente uno dei fattori che spiegano le disparità sistematiche nei tassi di risparmio delle famiglie: "Vediamo che i Paesi con livelli di reddito più bassi hanno difficoltà a soddisfare i propri bisogni e quindi sono in grado di risparmiare molto poco", ha osservato il capo economista di Asteres, Desringer.

È anche il caso della Grecia, che ha attraversato una forte crisi economica e ha imposto una serie di misure di austerità, facendo diminuire il reddito disponibile delle famiglie. "Il tasso di risparmio negativo dimostra che i greci non sono ancora usciti dalla crisi. D'altra parte, i Paesi che risparmiano di più tendono a essere più ricchi", ha osservato Desringer.

Alcuni esperti sottolineano le differenze culturali nelle abitudini di risparmio. I tedeschi hanno risparmiato costantemente più dell'8% del loro reddito disponibile negli ultimi due decenni, secondo i dati dell'Ocse.

Tuttavia, Guiso trova dei limiti a questa spiegazione. "Le differenze tra Germania e Grecia non esistono perché ai greci piace spendere tutto e ai tedeschi no. I tassi di risparmio tedeschi erano bassi 20 anni fa".

Il tasso di risparmio di un Paese è influenzato da molte variabili economiche, come la struttura demografica del Paese: "I giovani tendono a risparmiare di più dei pensionati che hanno un flusso di reddito inferiore", ha spiegato Guiso.

Un ritorno ai livelli prepandemia

Nel 2022 gli europei risparmieranno meno rispetto al 2021 (16,4%), ha rivelato Eurostat, consentendo ai consumi delle famiglie di espandersi ulteriormente, con il tasso di famiglie che torna ai livelli prepandemici.

"Riflette il desiderio di tornare alla vita normale, precedente alla pandemia", ha commentato Helene Baudchon, economista di BNP Paribas.

PUBBLICITÀ
The household saving rate in the EU is going back to pre-pandemic levels, expert says.
The household saving rate in the EU is going back to pre-pandemic levels, expert says.Eurostat

"Durante la pandemia, i consumi delle famiglie europee sono stati sospesi, mentre il loro reddito è stato ampiamente preservato. Questo ha causato un salto anomalo nel tasso di risparmio in tutta l'UE", ha analizzato Baudchon.

Nel frattempo, il 2022 ha segnato una fase di ripresa economica, che spiega il tasso di risparmio più basso rispetto all'anno precedente.

Tuttavia, i successivi shock postpandemia, tra cui l'invasione dell'Ucraina da parte della Russia e il relativo aumento del costo della vita, hanno anche sconvolto il comportamento di risparmio delle famiglie. "L'incertezza economica sta probabilmente pesando sui consumi delle famiglie e sostiene il risparmio precauzionale", ha osservato.

Un altro fattore che spinge gli europei a risparmiare piuttosto che a spendere è l'aumento dei tassi di interesse: "Oggi il credito è più costoso e i risparmi sono più remunerati: c'è un vero e proprio incentivo finanziario a tenere i propri soldi in banca".

PUBBLICITÀ

Il tasso di risparmio migliorerà?

Gli esperti prevedono pochi cambiamenti nei tassi di risparmio delle famiglie per il prossimo anno.

"Per l'anno prossimo prevediamo una situazione leggermente più positiva. Poiché l'inflazione è in calo e se gli effetti degli shock economici scompaioni, è probabile che le famiglie siano meno preoccupate per il futuro e risparmino meno", ha dichiarato Baudchon.

Il tasso di risparmio delle famiglie rimarrebbe invariato o diminuirebbe. "Ma le previsioni implicano una possibilità di errore, quindi ne riparleremo tra un anno per vedere se avevamo ragione", ha aggiunto.

Condividi questo articoloCommenti

Notizie correlate

Disuguaglianza di reddito in Europa: quali sono i Paesi con reddito maggiore e minore?

I salari effettivi sono in calo in Europa: quali sono i Paesi che hanno registrato le maggiori variazioni salariali?

Quali sono le iniziative dell'Ue per il reddito minimo?